Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

L'idea patrocinata dall'assessore Raffa

Parte dall'Orientale il riutilizzo dei rifiuti


Parte dall'Orientale il riutilizzo dei rifiuti
20/05/2009, 09:05

Piccola rivoluzione in arrivo nella gestione dei rifiuti napoletana.
L'Assessore con delega ai Rifiuti Paolo Giacomelli, durante una conferenza promossa da ODR Campania al Rettorato dell'Orientale di Napoli, si é impegnato a realizzare una o due isole ecologiche fondate sul Riutilizzo su scala secondo il modello ideato da Occhio del Riciclone.
Nelle nuove strutture le merci usate saranno selezionate in modo sistematico e distribuite ai micorimprenditori dell'usato della città, che sono numerosissimi e, purtroppo, caratterizzati da informalità e disorganizzazione. Grazie alle isole fondate sul Riutilizzo la microimpresa dell'usato potrà approvvigionarsi non più dai cassonetti ma da un sistema all'ingrosso centralizzato e legato alla gestione dei rifiuti ufficiale; il cambiamento produrrà le condizioni necessarie ad avviare un processo di legalizzazione del settore, con significativi effetti sociali e occupazionali.
Giacomelli, intervenuto per la prima volta a un evento pubblico da quando é stato nominato 4 mesi fa, ha spiegato che il Comune "ha un milione di euro a disposizione per realizzare 5 isole ecologiche"; l'Assessore si é poi impegnato a "indirizzare l'azione di ASIA perché una o due delle isole ecologiche in cantiere vengano progettate secondo il modello di Occhio del Riciclone".
Molto determinato anche il consigliere Asia Fabio Matteo, che ha dichiarato che si batterà perché le isole ecologiche fondate sul Riutilizzo diventino un sistema esteso, e che afferma che "proprio a partire dalle isole ecologiche é possibile impostare una gestione dei rifiuti ecocompatibile".
Il Presidente di ODR Campania Matilde Carabellese ha espresso "grande soddisfazione per la disponibilità istituzionale a introdurre una riforma importante e innovativa, particolarmente urgente e necessaria in una città dove emergenza rifiuti ed emergenza lavoro sono drammi che vanno di pari passo; entrambi hanno bisogno di soluzioni concrete e coraggiose".
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©