Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Pastificio La Molisana: Patriciello esprime apprezzamento per iniziativa imprenditori


Pastificio La Molisana: Patriciello esprime apprezzamento per iniziativa imprenditori
27/01/2011, 13:01

“La notizia dell’acquisto dalla storica impresa alimentare La Molisana da parte della famiglia Ferro, è un esempio di come nella nostra regione ci sia spazio per la sana imprenditoria”. Così l’on. Aldo Patriciello interviene in merito all’importante transazione formalizzata qualche giorno fa tra il Gruppo Ferro di Campobasso ed i curatori fallimentari de “La molisana”. “Da tempo – continua l’eurodeputato - sostengo che le problematiche che esistono nel tessuto produttivo regionale, soprattutto quelle relative alle cosiddette grandi industrie della nostra realtà, possono e devono essere risolte coinvolgendo i nostri imprenditori, che nel corso degli anni hanno saputo farsi apprezzare ovunque, anche a livello internazionale. L’esempio della famiglia Ferro, oltre a rappresentare una riscossa per la città di Campobasso, e per l’intero Molise, può essere replicato in tanti altri casi, vale considerare come è stato rimarcato che l’importante operazione finanziaria è stata portata a termine senza l’ausilio di aiuti pubblici. Il mio ruolo di Parlamentare europeo è a totale sostegno del sistema produttivo, soprattutto in quei settori che sono collegati con il settore agroalimentare, dove le regole dell’UE sono sempre più indirizzate alla tutela della salute dei cittadini europei e pertanto alla qualità dei prodotti. Alla famiglia Ferro – conclude l’on. Patriciello - faccio i miei più sinceri auguri per l’avventura che ha intrapreso e al sistema produttivo regionale e alla nostra classe politica”. Infine un monito al mondo imprenditoriale molisano: “Rivolgo l’invito di replicare anche in altri campi, coinvolgendo di più i nostri manager, ormai all’altezza delle sfide globali. Se aiuti devono esserci da parte pubblica, essi siano indirizzati nel campo delle infrastrutture materiali e tecnologiche, che rappresentano oggi il vero gap con le altre realtà nazionali”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©