Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Polizia: i rinforzi in Veneto non sono sufficienti


Polizia: i rinforzi in Veneto non sono sufficienti
17/07/2009, 18:07

Dal 15 luglio, nelle località turistiche veneziane, sono giunti i tanto sospirati rinforzi estivi, in ritardo di quasi un mese rispetto alle esigenze operative ed ai flussi turistici.

Puntualmente, qualcuno cerca di spacciarli come la panacea ai problemi che affliggono (tutto l’anno) le località turistiche.

Ma questi sono i numeri:
Carabinieri 90 uomini da distribuire tra: Bibione, Caorle, Eraclea, Cavallino, Chioggia, Jesolo, Venezia e Lido di Venezia.

Polizia di Stato: 45 uomini che sono così destinati a Jesolo (28, due in meno dello scorso anno), 6 a Chioggia (meno 3 rispetto al 2008), 11 a Venezia (meno 1 rispetto al 2008, nessun rinforzo per Portogruaro, dove, nel 2008 erano stati inviati 6 colleghi.
Nel complesso il bilancio è di 10 elementi in meno rispetto all’anno scorso.
A questi dovrebbe contribuire la Guardia di Finanza che invierà circa 20 uomini.

Al di là delle dichiarazioni vittoriose di qualche politico locale che si vantava di questi numeri, il COISP si rivolge a tutti i cittadini affinché collaborino, specialmente nel periodo estivo, con le Forze dell’Ordine, che compiranno, come ogni anno, ogni sforzo per garantire un sereno soggiorno nelle località di vacanza.

Tale collaborazione appare tanto più necessaria, dato che i rinforzi giungono da realtà lontane e dovranno imparare a conoscere molto velocemente il territorio e le modalità dei servizi da svolgere.

Ci attendiamo maggiore attenzione per le località turistiche da parte del Ministero ed auspichiamo altresì che la data di arrivo dei rinforzi torni ad essere il 15 giugno e che essi permangano almeno fino a metà settembre.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©