Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Pontificia Facoltà: domani presentazione app per smatphone con il Card.Sepe


Pontificia Facoltà: domani presentazione app per smatphone con il Card.Sepe
12/10/2016, 15:07

 

NAPOLI – Ovèrap Pftim, il primato tecnologico della Facoltà Teologica napoletana

Domani, a Capodimonte, presentazione della prima app al mondo in realtà aumentata per studenti e professori di teologia

 

Domani, giovedì 13 ottobre, alle ore 11, in viale Colli Aminei 2, presso l’aula magna della sezione San Tommaso d’Aquino della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, in occasione della tradizionale assemblea dei docenti presieduta dal Cardinal Crescenzio Sepe in qualità di gran cancelliere, sarà presentata all’arcivescovo di Napoli e alla stampa l’applicazione per smartphone Ovèrap Pftim, un’innovativa guida per studenti e docenti basata sul principio della realtà aumentata.

La Facoltà Teologica Napoletana è il primo ateneo pontificio al mondo ed uno dei primi enti accademici in Europa ad adottare la tecnologia della realtà aumentata per offrire a studenti e docenti un supporto multimediale altamente innovativo, uno strumento semplice ed efficace al servizio della didattica e della vita all’interno della Facoltà.

Presso una serie di totem dislocati nei punti strategici della sede accademica di Capodimonte o attraverso l’annuario accademico, ciascuno studente o docente potrà accedere col proprio smartphone a numerosi contenuti resi disponibili in realtà aumentata e aggiornati nel corso dell’anno, per poter così conoscere tutte le informazioni utili (aule e orari dei corsi, luoghi e date degli esami ecc.), essere tempestivamente informato su ogni iniziativa (seminari, convegni, celebrazioni, eventi ecc.), accedere ad un archivio in cui è possibile consultare guide e visionare immagini fotografiche e video.

La Pontificia Facoltà Teologica di Napoli conferma così la propria vocazione a coniugare tradizione e innovazione: non rinuncia al classico annuario cartaceo, ma lo sposa alle più moderne tecnologie che consentono la fruizione di una quantità di dati e informazioni altrimenti inaccessibili in un unico luogo e in tempi rapidissimi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©