Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Presidio Edili per rinnovo contratti integrativi territoriali


Presidio Edili per rinnovo contratti integrativi territoriali
04/11/2011, 15:11

Fillea CGIL Feneal-UIL Filca-CISL della Campania e delle province campane. "Stamane una folta delegazione del sindacato unitario degli edili della Campania, Feneal-UIL, Filca-Cisl e Fillea CGIL, e' stata ricevuta dal Presidente dell'Ance Campania Ing. Coraggio a seguito del presidio dei delegati e delle RSU dei cantieri edili, poco piu' di 400, promosso dalle Segreterie Regionali e Territoriali di categoria, per il rinnovo dei contratti integrativi territoriali. L'iniziativa si e' resa necessaria per superare l'insostenibile situazione di vacanza contrattuale, per gli oltre 100 lavoratori edili campani, essendo scaduti i contratti il 31 dicembre dello scorso anno.

La delegazione, guidata dai Segretari Generali, ha sollecitato gli imprenditori ad assumersi la responsabilita' di costituire i tavoli di trattativa e rinnovare senza ulteriori indugi, i contratti. La delegazione ha ricordato all'Ance di essere nel pieno di una violazione grave, considerato che la decorrenza degli effetti retributivi e normativi e' stata fissata dai contratti nazionali, siglati nel maggio del 2010, al 1 gennaio e al 1 luglio del 2011.

Le ragioni della crisi non giustificano il ritardo accumulato anche perche' i meccanismi che regolano gli incrementi salariali ( con punte massime. di 57 euro al mese) sono legati allo stato di salute del settore nei singoli territori. In piu' la delegazione ha significato all'Ance che il rinnovo del contratto e' un tassello importante per dare piu' vigore all'azione e alla mobilitazione per contrastare la crisi e rilanciare il settore in Campania. Infatti, le piattaforme presentate ai costruttori parlano, certamente di salario e di diritti, ma nache e soprattutto di sicurezza, di contrasto al lavoro nero e all'illeglita', di crescita produttiva e di superamento del massimo ribasso.

L'Ance Campania, a fronte delle argomentazioni e delle richieste avanzate dalla delegazione, ha assunto l'mpegno di sollecitare le sue strutture provinvciali a convocare i tavoli di confronto e procedere speditamente all'esame delle piattaforme e alla trattativa sui punti di merito.

Si e' definito di tenere in sede regionale una regia di monitoraggio con un primo aggiornamento al giorno 15 p.v.

In quella occasione le Organizzazioni Sindacali valuterammo come proseguire la mobilitazione a sostegno delle vertenze.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©