Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Prestiti INPDAP: tutte le regole e le novità


Prestiti INPDAP: tutte le regole e le novità
27/02/2012, 17:02

In questo periodo di crisi, molte persone lamentano la difficoltà di accedere al credito. Capita di frequente, tuttavia, che ci sia bisogno di affrontare delle spese che richiedano la disponibilità di liquidità. A tal proposito, per i dipendenti pubblici e per i pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, l'INPS-INPDAP propone diverse formule di prestito e microprestito con tassi molto convenienti e con una rateizzazione equa per la restituzione del debito. Ogni anno l'ente previdenziale mette a disposizione dei propri iscritti un fondo per fornire un supporto efficace a coloro ai quali viene riconosciuta l'idoneità a ricevere il prestito. Il vantaggio sostanziale, che costituisce un importante elemento di novità, è la possibilità di estendere i benefici del credito anche ai familiari dell'iscritto all'ente previdenziale. Si ricorda che, sebbene l'INPDAP sia stato assorbito dall'INPS, continuano ad essere erogate diverse tipologie di prestiti che riguardano somme di denaro sia contenute che di importo più ingente. Tutte queste informazioni sono raccolte nel blog www.miglior-prestito.net, uno spazio dedicato alla riflessione sulle proposte di prestito a cura di enti privati oppure messe in essere da parte di enti pubblici e previdenziali. Il blog si pone l'obiettivo di fornire spiegazioni esaurienti e semplici sulle novità che investono questo settore. Fondamentale è anche la partecipazione attiva degli utenti, che attraverso l'espressione di commenti possono apportare maggiori dettagli e contributi alla discussione, oppure possono porre i loro dubbi o la loro approvazione per le formule di prestito in oggetto nei post. Dopo esserci occupati delle formule di finanziamento promosse da Agos Ducato, Findomestic ed altri, adesso l'attenzione si sposta su quali sono i tratti caratteristici che presentano i piccoli prestiti INPDAP, i prestiti pluriennali garantiti e i prestiti pluriennali diretti. Queste formule di credito possono essere erogate non solo dall'ente previdenziale, ma anche da tutte quelle agenzie finanziarie convenzionate con l'INPS-INPDAP. Facendo ricorso a queste ultime, è possibile ottenere il credito richiesto con le stesse agevolazioni previste nel regolamento dell'ente. Per effettuare la domanda di accesso al credito bisogna essere assunti a tempo indeterminato da quattro anni, oppure essere i beneficiario di una pensione di anzianità per quanto riguarda i prestiti pluriennali. È importante, ai fini dell'ottenimento del prestito INPDAP, presentare all'atto della richiesta una nutrita documentazione che possa attestare in maniera esauriente le motivazioni che sono a monte della domanda di credito. Nel caso in cui il prestito sia rigettato, lo stesso Ufficio Territoriale o Provinciale a cui deve essere indirizzata la domanda provvederà a fornire la motivazione che supporta la negazione dell'emissione del credito. Bisogna considerare, inoltre, che i fondi messi a disposizione sono limitati: per questo bisogna supportare la propria richiesta di credito con una documentazione in regola e soprattutto ricca di informazioni utili. Per dare la possibilità agli utenti di poter contare su notizie attendibili e precise non solo sui prestiti INPDAP ma anche su altre tipologie di credito, il blog www.miglior-prestito.net si impegna a diffondere elementi che possano facilitare il rapporto tra coloro che desiderano usufruire di queste forme creditizie e gli enti istituzionali. Ponendo l'attenzione su determinate tematiche, si cerca di conseguenza di creare una consapevolezza maggiore delle possibilità che i dipendenti pubblici e pensionati hanno per accedere al credito.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©