Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Programma Autonomy scende in campo a Genova


Programma Autonomy scende in campo a Genova
20/05/2010, 15:05

Fiat Group Automobiles - Programma Autonomy partecipa, in qualità di Main Sponsor, alla partita di calcio tra la “Nazionale mondiale stilisti Onlus” e “All Stars” Genoa che si svolgerà sabato 22 maggio, a partire dalle ore 17, presso lo stadio Luigi Ferraris di Genova. Il ricavato della vendita dei biglietti sarà devoluto all’Istituto Nazionale per la ricerca sul cancro di Genova e alla Fondazione Stefano Borgonovo.

La Nazionale Stilisti è composta dai nomi più famosi della moda italiana – da Santo Versace a Renzo Rosso, da Lavinia Biagiotti a Beatrice Trussardi - mentre la squadra “All Stars” è quella che ha disputato la Coppa Uefa del 1992 con i campioni Pato Aguilera, Stefano Eranio, Tomas Scuravi e Gennaro Ruotolo. Un grande evento di sport, quindi, che sarà arricchito dai festeggiamenti per il 99esimo anniversario dello storico Stadio Luigi Ferrarsi, meglio conosciuto come “Marassi”, per poi concludersi con una cena esclusiva e il grande spettacolo Abba Show sulla Tolda dell’Acquario di Genova.

La sponsorizzazione di questo incontro sportivo è in perfetta sintonia con l’impegno del Gruppo Fiat che, attraverso il Programma Automomy, realizza servizi e mezzi di trasporto individuali e collettivi destinati a chi ha ridotte capacità motorie, sempre in linea con le continue novità di prodotto, e per favorire l’avvicinamento dei diversamente abili all’automobile. Come dimostrano, per esempio, le due vetture esposte all’ingresso dell’Acquario -  un’Alfa Romeo Giulietta e un Fiat Doblò Tetto alto - trasformate secondo i principi del Programma Autonomy e realizzati da due fra i tanti allestitori che collaborano con Fiat Group Automobiles nel settore delle attrezzature speciali per la mobilità assistita.

In dettaglio, l’Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo Multiair da 175 CV è stata preparata dalla ditta Kivi ed è dotata di acceleratore elettronico a cerchiello, posto sotto il volante, e leva-freno a lungo braccio completa di blocco freno e clacson. Inoltre, il cliente può apprezzare la porta rototraslante elettrica che rende la porta posteriore sinistra scorrevole agevolando così il carico a bordo della carrozzina dietro il posto guida.

Invece, la ditta Olmedo ha realizzato il Nuovo Doblò “tetto alto” nell’allestimento “kit-lift” trasporto disabili, composto da pedana infra-pianale posteriore a scomparsa, con elevata capacità di carico (oltre 300 kg) e dimensioni della piattaforma di carico massime per la categoria (1150 x 840 mm). Il kit può essere smontato in poche ore offrendo così il vantaggio di poter rivendere l'auto sia attrezzata sia come una vettura normale. Ulteriore peculiarità del Nuovo Doblò nell’allestimento “kit-lift” è la pavimentazione del vano passeggeri che presenta una superficie antiscivolo certificata e lavabile disponibile in vari colori mentre il piano di stivaggio della carrozzella vanta di serie la nuovissima tecnologia aeronautica “flex floor” che offre contestualmente altissima rigidità strutturale e leggerezza. Completano le dotazioni di questo Nuovo Doblò il particolare sistema “blue way” composto da fonti illuminanti a ridottissimi consumi ed emissione fredda, oltre a due pratici vani con sportello a scomparsa - posti davanti alla panchetta della seconda fila a tre posti - che sono illuminati con tecnologia LED e contengono la cassetta di pronto soccorso e il sistema di ancoraggio della carrozzella.

Dunque, fin dal lancio il cliente di Alfa Romeo Giulietta o Fiat Doblò Tetto alto può avere la vettura che meglio corrisponde ai propri desideri ed esigenze. Si tratta di soluzioni semplici da installare e che si integrano perfettamente nell'abitacolo senza compromettere ergonomia, abitabilità, comfort e sicurezza. Si affiancano ai comandi di serie consentendo così la guida anche a persone senza difficoltà motorie. Inoltre, si possono smontare facilmente e offrono quindi il vantaggio di poter rivendere l'auto sia attrezzata sia come una vettura normale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©