Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Pubblicato il bando di concorso per l’ingresso in Accademia di 9 ufficiali


Pubblicato il bando di concorso per l’ingresso in Accademia di 9 ufficiali
06/03/2010, 11:03

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana nr. 15 (4^ Serie Speciale) lo scorso 23 febbraio 2010 è stato ufficializzato il bando di concorso, per titoli ed esami, teso al reclutamento di 9 allievi ufficiali da inquadrare nel ruolo aeronavale (pilota militare di velivolo o comandante di unità navale) per l’ammissione alla frequenza dei corsi che inizieranno nel corrente anno presso l’Accademia della Guardia di Finanza.

Alla luce di quanto previsto dal decreto legislativo 19 marzo 2001 nr. 68, il Corpo ha assunto ormai la definitiva veste di unica forza di polizia economica e finanziaria: per tale sua propria caratteristica, in quanto titolare di una competenza generale nello specifico settore economico-finanziario, la Guardia di Finanza svolge in maniera esclusiva i suoi compiti anche negli spazi aerei e marittimi del territorio nazionale, con esercizio anche di tutte le facoltà attribuite dalle norme tributarie.

In questo quadro generale si inserisce il reclutamento dei 9 ufficiali del ruolo aeronavale, destinatari di uno specifico percorso addestrativo che si diversifica da quello previsto per gli allievi-ufficiali del ruolo normale per la specificità della “professione” di pilota militare d’aereo e/o di comandante di unità navale.


Per inoltrare la domanda gli aspiranti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

- essere nato tra il 1° gennaio 1988 ed il 1° gennaio 1993 (estremi inclusi) ed aver pertanto compiuto, alla data del 1° gennaio 2010, il 17° (diciassettesimo) anno di età ma non superato il 22° (ventiduesimo);

- essere in possesso di un diploma d’istruzione secondaria di secondo grado o essere in grado di conseguirlo al termine dell’anno scolastico 2009-2010;

Per gli aspiranti con residenza nella Provincia di Avellino tutte le eventuali ulteriori informazioni relative al bando potranno essere acquisite direttamente presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza del capoluogo irpino, sito in Via Ernesto Pontieri 1 (recapito telefonico: 0825.32891 - Sezione Personale ed Affari Generali) ove sono altresì disponibili i moduli di partecipazione. Ulteriori elementi informativi, oltre ad una “banca dati” relativa al concorso ed alle prove d’esame, potranno esser rilevati consultando il sito internet della Guardia di Finanza (http://www.gdf.it).

Nel sottolineare l’importanza dell’evento attesa la prestigiosa possibilità occupazionale, il Comando Provinciale di Avellino ha evidenziato che le domande relative agli aspiranti con residenza anagrafica nella provincia irpina potranno esser presentate direttamente al Comando di via Ernesto Pontieri, a mano ovvero a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, entro il termine perentorio del 25 marzo 2010.

I vincitori del concorso, nel solco di una tradizione che si protrae da 235 anni, entreranno a far parte ad una organizzazione che si è da sempre adattata, nel tempo, alle esigenze della società.





ACCADEMIA DELLA GUARDIA DI FINANZA


Il primo embrione dell’Accademia nasce nel 1896 quando fu istituita una scuola speciale per abilitare i marescialli e i brigadieri della Guardia di Finanza a conseguire il grado di sottotenente. La Scuola Speciale per i Sottufficiali della Regia Guardia di Finanza, come fu ufficialmente denominata, ebbe la sua prima sede a Caserta, nella Reggia del Vanvitelli.

Nel 1908 la Scuola ammise giovani in possesso del diploma delle scuole medie superiori (licenza liceale e istituto tecnico) assumendo la nuova denominazione Scuola per gli Allievi Ufficiali della Regia Guardia di Finanza, la durata dei corsi fu portata ai due anni scolastici e, nel 1912, fu elevata a tre anni.

Nel 1925 la scuola si trasferì da Caserta a Roma, presso la caserma intitolata a Re Vittorio Emanuele III e nel 1934 fu quindi approvato il nuovo regolamento dell'Istituto e conseguentemente la scuola cambiò denominazione divenendo Scuola di Applicazione per Ufficiali. Nel 1938 la Scuola assunse poi la denominazione di Regia Accademia e Scuola di Applicazione della Regia Guardia di Finanza; in tal modo ne veniva riconosciuta la funzione di istituto superiore di formazione militare il cui ordinamento venne notevolmente ampliato nell'area giuridica, economica e finanziaria.

Nel 1938 l'Accademia ottenne la concessione della Bandiera d'Istituto. Nel 1953 l'Istituto si trasferì definitivamente in un grande edificio, costruito a forma di "A" , in Piazza Armellini e nel 1959, si mutò la sua denominazione in Accademia della Guardia di Finanza, con un percorso di studi articolato su quattro anni il ciclo di studi, di cui due destinati agli allievi ufficiali e due ai sottotenenti allievi.

Nel novembre 1984 l'Accademia si trasferì a Bergamo e dal mese di settembre 1996, i Corsi di Applicazione e tutti i Corsi Speciali furono trasferiti alla nuova sede di Castelporziano (Roma).

Sulla base del decreto legislativo 69 datato 19 marzo 2001, oltre a rivedere reclutamento, stato giuridico ed avanzamento degli ufficiali del Corpo, ha previsto l'elevazione a 5 anni della durata del ciclo formativo dell'ufficiale, articolato su un triennio di Accademia e un biennio di Applicazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©