Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Iniziativa per salvaguare il piccolo e medio commercio

Regione Campania e Confesercenti presentano i nuovi CCN


Regione Campania e Confesercenti presentano i nuovi CCN
13/10/2009, 16:10

Nel "parlamentino" della Camera di Commercio Di Napoli, La Confesercenti  e la Regione Campania, rappresentate rispettivamente dal Dott. Pasquale Giglio e dall’On. Riccardo Marone, hanno tenuto un convegno dal titolo:"Il commercio nei centri urbani: motore economico, funzione sociale". Scopo del convegno era quello di presentare il progetto di valorizzazione del nuovi centri commerciali naturali. In un periodo di fortissima crisi del settore commerciale e turistico (con dati riferiti agli ultimi 18  mesi che parlano di 400 aziende al giorno in banca rotta), la Confesercenti affianca la Regione Campania nel tentativo di proporre un’alternativa anti-crack che, riorganizzando il mercato di scambio all’interno dei centri urbani, riesce a sopperire sia ad una funzione di tipo prettamente economico (conferendo nuova e vitale propulsione alla rete distributiva tradizionale dei piccoli negozi su strada) sia, al contempo, ad un esigenza sociale che possa orientarsi verso la ri-qualificazione della città nel senso di conferire al centro urbano una più vasta fruibilità da parte dei cittadini e dei turisti. Il tutto, grazie ad un’offerta di servizi più precisa ed accorta alle esigenze del commercio e del turismo (oltre che, ovviamente, ad una maggiore sicurezza).
Il commento dell’On Marone, assessore Regionale alle Attività Produttive, riassume alla perfezione lo spirito dell’iniziativa e la volontà di proteggere i piccoli esercizi commerciali e le attività artigianali della regione; preservando tali soggetti oramai considerabili “deboli” dall’autentica giungla di mega-centri commerciali dislocati in zone di periferia e mai ricollegabili ad un reale apporto di valore aggiunto per le circoscrizioni extraurbane che li ospitano. “La grande distribuzione ha il diritto di comportarsi come meglio crede in un mercato che oramai tutti crediamo che debba essere libero. Però occorre anche valorizzare quello che è il commercio tradizionale e storico del territorio”; dichiara infatti l’assessore che poi sottolinea la ferma volontà delle istituzioni di promuovere e favorire un sistema di cooperazione fruttuoso tra gli esercizi piccoli e medi. I Cnn rappresentano, dunque, anche riprendendo il documento presentato dalla CONFESERCENTI: “I nuovi modelli di aggregazione e le rinnovate e più adeguate forme più di promozione e comunicazione (sito internet, campagne pubblicitarie, social card ecc…)”

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©