Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Regole, etica e impegno i pilastri del nuovo Progetto di lavoro della Confcooperative Campania


Regole, etica e impegno i pilastri del nuovo Progetto di lavoro della Confcooperative Campania
11/02/2011, 16:02

Napoli, 11 febbraio 2011. Sette obiettivi operativi e nuove opportunità di crescita per la Confcooperative Campania, che ha visto radunati nell’Assemblea dei Dirigenti, tenutasi nella mattinata dell’11 febbraio, tutti i Dirigenti e Operatori della rete associativa campana. Presidenti, consiglieri delle cinque Unioni Provinciali e delle Federazioni, revisori tutti, hanno ascoltato con grande interesse e approvazione il nuovo Progetto di lavoro presentato dal Commissario di Confcooperative, Carlo Mitra. Un progetto chiaro e preciso nelle modalità e nei tempi con l’auspicio di costruire quelle condizioni minime di coesione organizzativa e associativa che permetta di superare le criticità e aprire una nuova stagione di sviluppo. <<Oggi più che mai – dice il Commissario Mitra – è necessario implementare un progetto di “rete” capace di far fronte alle sfide che la delicata situazione economica e sociale attuale propone alla società in generale, e nello specifico alle Comunità dei territori campani. A noi spetta, per mission, di non essere rassegnati, mai>>. Parole incoraggianti quelle del Commissario Mitra, che con determinazione e passione vogliono ribadire lo spirito che da sempre anima la mission di Confcooperative. <<Alla cooperazione genuina – continua il Commissario - ai cooperatori veri spetta di costruire futuro, valore e valori, per cambiare e offrire alle persone in difficoltà una opportunità. Fare cooperazione significa “essere differenti”, che al Sud vuol dire andare contro rassegnazione e fatalismo, senso della sconfitta, e credere invece nelle regole e nell’etica, impegnandosi insieme a tracciare sentieri di sviluppo virtuosi>>. Un lavoro rigoroso e impegnativo quello che, nei prossimi mesi, attende la Confcooperative Campania, ma che se seminato con il forte contributo di tutti i livelli organizzativi, produrrà certamente un buon frutto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©