Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Investimenti previsti dal 2013

Renault: il Brasile la nuova frontiera dei francesi


Renault: il Brasile la nuova frontiera dei francesi
09/10/2011, 16:10

Carlos Ghosn, Presidente Direttore Generale del Gruppo, ha dichiarato: «Nel 2011, il Brasile ai appresta a diventare il secondo mercato di Renault. I Brasile è una colonna portante della nostra strategia di crescita a livello internazionale: oltre un quarto dell'aumento delle vendite globali di Renault da adesso al termine del piano dovrebbe provenire dal Brasile. Per raggiungere tale obiettivo, è necessario aumentare la nostra capacità industriale e abbiamo scelto di farlo nel nostro stabilimento di Curitiba».




100.000 veicoli in più all'anno
La capacità produttiva annua della fabbrica di automobili e veicoli commerciali di Curitiba è oggi di oltre 280.000 veicoli. In seguito all'accordo siglato questa mattina con il Governo del Paraná, dall'inizio del 2013 il Gruppo aumenterà la produzione di 100.000 veicoli. La trasformazione richiederà un investimento di 500 milioni di real brasiliani, pari a 200 milioni di euro, per le nuove installazioni e l'ampliamento della catena di montaggio, oltre a un ciclo di investimenti continuo di 1 miliardo di real (2010-2015) destinato principalmente all'industrializzazione dei prodotti.
L’investimento prevede inoltre la creazione di un vero e proprio Centro d’Ingegneria in prossimità degli stabilimento, mentre allo stato attuale i dipendenti e le strutture dell’ingegneria (Renault Technologies Amérques - RTA) sono dislocati nell'area del complesso industriale. Renault do Brasil aprirà un centro di formazione e nuovi poli per la logistica, al fine di razionalizzare lo spazio di stoccaggio. L'insieme delle operazioni è destinato a generare 1.000 nuovi posti di lavoro, oltre ai 1.000 già creati nel 2011, per un totale di 2.000 impieghi fino al 2015. Renault conta tre stabilimenti a Curitiba, all'interno del complesso Ayrton Senna: uno per le autovetture, uno per i veicoli commerciali e uno per i motori. Il Brasile esporta veicoli verso gli altri mercati sudamericani (Argentina, Messico…).

Il Brasile: un mercato prioritario
L'aumento della capacità produttiva accompagna una forte crescita del mercato brasiliano (v. allegato). Nel quadro della strategia di espansione internazionale del Gruppo al di fuori dell'Europa, il Brasile rappresenta, insieme a Russia e India, uno dei tre mercati prioritari del piano “Renault 2016 – Drive The Change”. A fine agosto 2011, Renault ha venduto 114.331 veicoli in Brasil, pari ad una progressione di +20,3% rispetto al 2010, e ha registrato una quota di mercato di più del 5%. Quinto costruttore del Paese, Renault do Brasil punta a raggiungere una quota dell'8% nel 2016.

Duster: la nuova punta di diamante di Curitiba?
Presentato al Salone di Buenos Aires a giugno 2011, Renault Duster è uno degli ultimi veicoli introdotti sulle linee di produzione dello stabilimento per autovetture di Curitiba. Renault Design Latin America e Renault Technologies Amériques (RTA) hanno adattato la versione europea per accostarsi il più possibile alle realtà e alle esigenze locali. Emblema della democratizzazione degli Sport Utility Vehicles (SUV) e di un'innovazione accessibile a tutti, sarà commercializzato in Argentina e in Brasile a partire dal 7 ottobre. Lo stabilimento per autovetture di Curitiba produce anche Renault Sandero, il best-seller del marchio sul mercato brasiliano, Sandero Stepway, Logan e Mégane SporTour II.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©