Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Revamping ferroviario, studenti a confronto con Giovani Imprenditori


Revamping ferroviario, studenti a confronto con Giovani Imprenditori
19/03/2012, 15:03

Nuovo appuntamento con “Challenging Education”, il progetto promosso dal Gruppo Giovani Imprenditori (GGI) dell’Unione degli Industriali di Napoli e dal Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università Federico II che coinvolgerà oltre 700 studenti.
Protagonista dell’incontro di questa mattina, che si è svolto presso la Facoltà di Economia aziendale a Monte Sant’Angelo, l’azienda Transportation Management Consultant - TMC Srl. Al centro del dibatto, le problematiche relative al revamping ferroviario. Se n’è discusso con Lucia Mirone (TMC Srl), Vincenzo Caputo (GGI Unione Industriali Napoli), Riccardo Mercurio (professore di Organizzazione aziendale presso l’Università Federico II di Napoli) e Gianluigi Mangia (Dipartimento Economia aziendale Federico II).

“Challenging Education” consentirà ai corsisti di misurarsi con reali problematiche di organizzazione aziendale, riducendo il gap tra università e impresa. Diversi i temi su cui saranno chiamati a intervenire: dall'analisi delle relazioni di collaborazione inter-organizzativa alla ricerca di nuovi modelli per la comunicazione di impresa. Dopo gli appuntamenti con le imprese, gli studenti saranno impegnati nella realizzazione di progetti finalizzati all’implementazione dell’organizzazione aziendale, sulla base delle necessità avanzate dalle imprese stesse.

Il risultato finale sarà poi consegnato all’azienda “committente” e sarà il frutto di un attento lavoro di analisi e diagnosi, articolato anche in raccomandazioni e indicazioni per il passaggio all’ultima fase, quella di implementazione.
“Il progetto – dice Vincenzo Caputo, presidente Gruppo Giovani Imprenditori Unione degli Industriali di Napoli – è stato accolto con grande entusiasmo dagli studenti. Siamo certi che la collaborazione università-imprese porterà risultati importanti, è questa la strada giusta per favorire l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©