Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

RIFIUTI, PRONTO IL PRIMO RAPPORTO PROVINCIALE PER GLI STUDENTI VIA AL BANDO PER LO SPOT ECOLOGICO


RIFIUTI, PRONTO IL PRIMO RAPPORTO PROVINCIALE PER GLI STUDENTI VIA AL BANDO PER LO SPOT ECOLOGICO
10/11/2008, 15:11

 

 
       La Provincia di Caserta sarà la prima in Campania a pubblicare a breve il Primo Rapporto sui rifiuti, con i dati relativi alla produzione di spazzatura e alla raccolta differenziata di tutti i 104 Comuni di Terra di Lavoro. Lo ha annunciato l’assessore provinciale all’Ambiente, Lucia Esposito, nel corso del workshop “Strumenti educativi per la tutela dell’ambiente”, tenutosi stamane nell’aula consiliare dell’Ente, gremita di studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, destinatari dell’iniziativa. Il traguardo è stato reso possibile grazie all’attività dell’Osservatorio provinciale sui rifiuti, avviato dall’ex assessore provinciale al ramo, Maria Carmela Caiola, che stamane ha partecipato all’incontro con i ragazzi: “L’Osservatorio – ha ribadito – è uno strumento fondamentale per la conoscenza delle dinamiche del settore, in particolare per il nostro territorio, caratterizzato da consistenti flussi migratori, ed è uno strumento utile come luogo di confronto tra tutti i soggetti coinvolti nel ciclo dei rifiuti: Enti locali, imprese, scuole, piattaforme di riciclo, categorie professionali”.
       La giornata, promossa, insieme con Esposito, dall’assessore alla Pubblica istruzione, Nicola Ucciero, si è rivelata un’occasione di confronto concreto tra scuola e istituzioni, per avviare il processo di educazione permanente degli studenti. Proprio ai giovani è rivolto il bando di concorso “Eco-spot” che la Provincia sta per emanare: “Gli alunni delle scuole medie e superiori – ha spiegato l’assessore Esposito – saranno chiamati a realizzare uno spot sui temi dell’ecologia. Il lavoro migliore sarà utilizzato dall’Ente per una campagna di promozione sull’ambiente”.
       Nel suo saluto, il presidente della Provincia, Sandro De Franciscis, ha sottolineato come l’Ente abbia cercato di utilizzare tutte le sue prerogative “per fare chiarezza di fronte alla polverizzazione delle responsabilità cui assistiamo in tema di rifiuti”. “Stiamo ora avviando una nuova fase – ha aggiunto – in cui chiediamo il contributo e il coinvolgimento del sistema scolastico, per riappropriarci del nostro ambiente, la cui tutela è una necessità imprescindibile per voltare pagina rispetto agli scempi del passato e guardare con fiducia al futuro di questa nostra terra”. Al workshop sono intervenuti inoltre i docenti della Seconda Università, Vincenzo Pepe, che ha relazionato sul ruolo dell’Osservatorio nel progetto di sensibilizzazione all’ambiente delle generazioni future, e Domenico Amirante (che ha delineato i riferimenti normativi nel settore), Antonio Borbone, consulente dell’Osservatorio, Marina Boccassini, membro dell’Osservatorio provinciale di Salerno sui rifiuti, e il professor Mesolella in rappresentanza dell’Ufficio scolastico provinciale.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©