Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Incontro al caffè Gambrinus con politici e ricercatori

''Riforma Gelmini'': bene o male per le università?


.

''Riforma Gelmini'': bene o male per le università?
16/11/2010, 15:11

NAPOLI – Investire risorse nel settore universitario, garantendo un accesso democratico alle facoltà ed evitando, nello stesso tempo, gli sprechi: così l’assessore regionale all’Istruzione Guido Trombetti, intervenuto al dibattito al caffè Gambrinus sulla riforma Gelmini.
Come hanno sottolineato i presenti, il comparto universitario in Italia è solo al 137° posto nella classifica mondiale delle eccellenze: un risultato chiaramente insufficiente, che deve spingere i governanti a modificare, anche tagliando laddove necessario, i fondi destinati a ricerca ed istruzione. “Rimanere fermi vuol dire rimanere arretrati e ai margini rispetto all’Europa o al resto del Mondo” – ha detto l’onorevole Luciano Schifone, presenziando all’incontro –“soprattutto considerando lo sviluppo vorticoso dell’economia, che ci impone di ripensare al nostro ruolo a livello internazionale”. Con lui, anche l’onorevole Paola Frassinetti, vicepresidente della Commissione Cultura della Camera e relatrice del provvedimento di riforma del sistema universitario, secondo cui il ddl in discussione non debba essere visto con un occhio pregiudizievole ma come un modo per incentivare la qualità del prodotto finale.
Nel corso del convegno al Gambrinus, comunque, non sono mancate anche alcune voci “fuori dal coro”: sono quelle dei ricercatori presenti in sala che, riunitisi nell’associazione “29aprile”, hanno stilato un documento contro la riforma: “E’ falso che si colpiscano le baronie. E’ falso che si avvantaggino i giovani. E’ falso che si agevolino gli studenti meritevoli” – si legge nella nota –“Chi approverà questo disegno di legge avrà la responsabilità di un tracollo immediato del sistema universitario, che sarebbe stato inevitabile se solo si fosse dato ascolto alle voci provenienti dall’Università stessa, invece che alle bugie del ministro Gelmini”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©