Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Risultati finanziari Gruppo Renault terzo trimestre 2011


Risultati finanziari Gruppo Renault terzo trimestre 2011
28/10/2011, 15:10

- La cifra d’affari del Gruppo Renault nel terzo trimestre si attesta a 9.745 milioni di euro, in crescita dell’11,9% rispetto allo stesso periodo del 2010. - La cifra d’affari del ramo Auto progredisce del 12,0%, grazie ad una forte dinamica commerciale. - Il Gruppo registra un record di vendite nel terzo trimestre, con 632.412 unità vendute, pari ad una progressione del 6,7% rispetto al terzo trimestre 2010. Una performance che continua a basarsi sulla crescita nei mercati extraeuropei, in particolare in Brasile e in Russia. - Le vendite al di fuori dell'Europa del Gruppo (in crescita del 21,9%) registrano un livello record, con 305.064 unità. La quota di mercato progredisce in tutte le Regioni internazionali. - Il Gruppo Renault conferma l'obiettivo di un free cash flow operativo del ramo Auto superiore a 500 milioni di euro nel 2011. Risultati commerciali principali del terzo trimestre 2011. In un mercato automobilistico mondiale ancora sostenuto, le vendite del gruppo Renault hanno raggiunto le 632.412 unità nel terzo trimestre, progredendo del 6,7% in un mercato globale in crescita del 3,7%. Dopo le difficoltà di approvvigionamento che hanno penalizzato l'attività commerciale nel corso del primo semestre e all'inizio del terzo trimestre, il Gruppo ha potuto consegnare i veicoli, in particolare quelli con motore diesel, che si erano accumulati nel suo portafoglio ordini in Europa. A livello internazionale, il Gruppo prosegue la sua offensiva con una crescita delle vendite superiore al mercato in tutte le Regioni. In Europa, in un mercato in crescita dell’1,4% le vendite del Gruppo diminuiscono del - 4,4%. Con l’8,0% del mercato autovetture e veicoli commerciali, la marca Renault si posiziona al terzo posto. Le difficoltà di approvvigionamento si sono fatte sentire sull’intera performance commerciale del trimestre. Tuttavia, queste difficoltà sono adesso terminate, come dimostrato dal trend positivo delle vendite nel mese di settembre, in particolare in Francia. La marca Renault ha confermato la sua leadership sui veicoli commerciali in Europa con una quota di mercato del 14,8%. La marca Dacia, le cui vendite autovetture + veicoli commerciali diminuiscono del 7,5%, è stata condizionata, soprattutto Sandero (- 47%), dai vincoli sui componenti, ma anche dalla fine degli incentivi statali e del bonus GPL in Francia. La marca ha raggiunto una quota di mercato dell’1,4%. Duster ha confermato il suo successo con oltre 28.600 vendite nel trimestre (+59%). Al di fuori dell'Europa, le vendite del Gruppo, guidate da mercati sempre dinamici, aumentano del 21,9% nel terzo trimestre, e rappresentano il 48% delle vendite del Gruppo (+6 punti). Nella Regione Eurasia, il Gruppo registra la sua migliore performance, con volumi che progrediscono del 63,5% in un mercato in crescita del 28,7%. Il mercato russo conferma la sua posizione di quarto mercato del gruppo (+6 posti rispetto allo stesso periodo del 2010) con il successo di Sandero (10.744 unità vendute, +134%) e di Logan (19.900 unità, +37%). Nella regione Americhe, il Gruppo registra un incremento del 18,2% delle vendite in un mercato in progressione del 9,0%. In Brasile, il secondo mercato del Gruppo nel terzo trimestre, il Gruppo conquista una quota di mercato record del 5,8% e delle vendite record grazie alla performance di Sandero fase 2. Nella regione Euromed, le vendite aumentano del 10,7% in un mercato a +3,5%. Il Gruppo realizza in particolar modo una buona performance in Turchia con il successo di Symbol - il primo modello del mercato - e di Fluence. Le vendite sono in crescita dell’8,9% in un mercato in calo del 3,1%. Nella regione Asia / Africa, dopo un difficile primo semestre, i volumi del Gruppo progrediscono del 21,9% in un mercato in crescita dell'1,1%. In Corea, vari piani d'azione messi in atto hanno permesso una quasi stabilizzazione delle vendite nel terzo trimestre (-2,2% in un mercato in crescita del 6,2%). Cifra d’affari del trimestre per settore operativo Nel terzo trimestre 2011, la cifra d’affari del Gruppo è aumentata dell’11,9 % a 9.745 milioni di euro, o +14,1% escludendo gli effetti valutari. La cifra d’affari del ramo Auto aumenta del 12,0% a 9.259 milioni di euro, trainata dalla buona dinamica commerciale del Gruppo. L'aumento delle vendite del Gruppo rispetto al terzo trimestre 2010 contribuisce per 7,6 punti alla crescita (compresa la variazione del mix geografico di -0,9 punti) L’impatto mix/prezzo è positivo di 3,3 punti percentuali e l’effetto cambio negativo di -2,3 punti. I restanti 3,4 punti percentuali provengono da altre attività, fra cui la vendita di veicoli completi, di componenti e di organi meccanici ai partner, per +1,5 punti. Il Finanziamento delle vendite (RCI Banque) contribuisce al fatturato del Gruppo per 486 milioni di euro, con un incremento del 9,7% rispetto allo stesso periodo del 2010. Il numero di nuovi contratti di finanziamento (235.100) è aumentato del 2,0% rispetto al terzo trimestre 2010 e i dossier produttivi in essere si attestano a 22,9 miliardi di euro, in crescita del 9,1%. Descrizione generale della situazione finanziaria Nel terzo trimestre, l’attività di finanziamento del Gruppo è proseguita con tre emissioni di obbligazioni di RCI Banque per un totale di 1 miliardo di euro (due operazioni sul mercato europeo e una transazione sul mercato del franco svizzero) e il rifinanziamento di una titolarizzazione sostenuto da crediti di concessionari tedeschi per 460 milioni di euro. Tali operazioni riflettono la capacità di RCI Banque di accedere al mercato dei capitali in un ambiente finanziario vincolato. Al 30 settembre 2011: - il ramo Auto dispone di linee di credito, non provenienti da primarie banche per 3,9 miliardi di euro; - il capitale disponibile di RCI Banque (linee di credito confermate non utilizzate, crediti riscuotibili presso la Banca centrale europea e tesoreria) è pari a 6,6 miliardi di euro, sufficiente a coprire più del doppio la totalità delle pratiche commerciali in corso e dei certificati di deposito. Prospettive L'evoluzione dei mercati automobilistici mondiali e l’attività del Gruppo nel terzo trimestre sono in linea con le aspettative. Le incertezze macro-economiche, soprattutto in Europa, non hanno fino a questo momento avuto un impatto significativo sulla domanda di automobili. In questo contesto, il Gruppo si attende per l'anno 2011 una crescita del mercato globale (autovetture + veicoli commerciali) pari a + 3% con un mercato europeo stabile ed un mercato francese in calo di - 3%. Con il suo portafoglio ordini in Europa e la sua crescita a livello internazionale, il Gruppo dovrebbe raggiungere nel 2011 dei volumi di vendita e una cifra d’affari superiori al 2010 e conferma il suo obiettivo di free cash flow operativo del ramo Auto superiore a 500 milioni di euro per il 2011, con spese di Ricerca e Sviluppo ed investimenti inferiori al 9% del fatturato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©