Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Morcone: "Nuove figure per amministrare al meglio"

Riutilizzo beni della camorra, master al Suor Orsola


.

Riutilizzo beni della camorra, master al Suor Orsola
15/09/2010, 16:09

NAPOLI - Sviluppare conoscenze in campo giuridico, economico, amministrativo e sociologico per la gestione e valorizzazione dei beni confiscati alle mafie. E' l'obiettivo del master di primo livello, presentato oggi a Napoli, in Promozione, valorizzazione e riutilizzo dei beni confiscati alla criminalita' organizzata, al via per la prima volta all'Universita' Suor Orsola Benincasa, in aprtenariato con Libera, i consorzi Agrorinasce e Sole, la Fondazione per il Sud e con la collaborazione della Fondazione Polis. ''I giovani che parteciperanno al master - ha detto Mario Morcone, direttore dell'Agenzia nazionale per i beni confiscati - affileranno le lopro professionalita' e potranno sostenere in maniera qualificata gli enti territoriali chiamati a gestire il patrimonio sottratto alla criminalita' organizzata''. Non e' una inziativa puramente simbolica, ha precisato Morcone, ''si tratta di creare figure che sappiano amministrare al meglio questi beni''. Il master e' aperto a 20 giovani laureati, residenti nelle Regioni del Sud. ''Ma non e' diretto soltanto a loro - ha spiegato Morcone - L'idea di questo master e' nata con un'intesa a Palermo che si sta concretizzando ora con l'Universita' Suor Orsola e spero presto acnhe con Roma e l'Universita' di Tor Vergata. Poi e' chiaro che se decidessero di aderire a questa rete anche Milano e Torino noi non li terremmo fuori''. Il master e' gratuito perche' finanziato dalla Fondazione per il Sud, diretta da Carlo Borgomeo, con un badget di 350mila euro a cui vanno ad aggiungeri i fondi, circa 100mila euro, messi a disposizione dagli altri partner, i consorzi Agrorinasce e Sole. ''Mettiamo a disposizone la nostra esperienza - ha detto Immacolata Fedele, viceprefetto di Caserta e presidente di Agrorinasce - e il nostro auspicio e' che ci sia una reciproca utilita' poiche' questo master sara' un momento di arricchimento per tutti''. Attraverso lezioni in aula e esperienze dirette sul campo, i ragazzi saranno formati per gestire e amministrare terreni, appartamenti, aziende. ''Noi ci siamo formati direttamente in strada - ha spiegato Lucia Rea, presidente del Consorzio Sole - Loro potranno fare entrambe le cose, affiancando la teoria alla pratica''. Alla realizzazione del master ha partecipato anche la Fondazione Polis, braccio operativo della Regione Campania in materia di governance dei beni confiscati. ''In Campania - ha concluso Enrico tedesco, segretario generale di Polis - ci sono 1.300 immobili sequestrati fi cui un 30% da assegnare. Abbiamo progettato questo master proprio per migliorare la loro gestione anche perche' riutilizzare nel modo migliore i beni confiscati e' un segnale forte di possibilita' di riscatto''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©