Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Sant'Anastasia, presentati gli incontri per l'affido e l'adozione


Sant'Anastasia, presentati gli incontri per l'affido e l'adozione
16/10/2009, 09:10


Prendere un bambino per mano... impariamo insieme l’affido e l'adozione.
Questo il titolo del percorso per i genitori dell’Ambito N10 (Somma Vesuviana, Sant’Anastasia, Pollena Trocchia, Cercola, Volla e Massa di Somma) che il servizio Spazio Famiglia avvierà il prossimo 20 ottobre. Un’innovativa sperimentazione illustrata questa mattina in conferenza stampa, tenutasi nella sala consiliare di Palazzo Siano, in presenza della Commissione Pari Opportunità, della sua Presidente dott.ssa Francesca Beneduce e del rappresentante della Coop. soc. Irene ’95, Franco Micucci.
In quattro appuntamenti mensili, ( 20 ottobre, 17 novembre, 15 dicembre ‘09 e 12 gennaio 2010) le dott.sse Monica Procentese e Loredana Cilento (esperte del settore dell’infanzia, nonché genitori affidatari) accompagneranno i partecipanti alla conoscenza degli istituti dell’affido e dell’adozione; soprattutto, si tenterà di affrontare i “luoghi comuni” che condizionano la cultura popolare su tali argomenti, cercando, invece, di mettere al centro della problematica il diritto di ogni bambino ad avere una famiglia (Legge 149/01) e le numerose tipologie di affido familiare che si possono attivare oggi nel nostro contesto. Le due esperte si avvarranno anche della loro lunga esperienza nel coordinamento di più “reti di famiglie affidatarie”, presenti nei comuni limitrofi a Sant’Anastasia.
Tale percorso è il risultato di un lavoro sul territorio che va avanti da più di sei anni, visto che l’équipe di Spazio Famiglia (ex Spazio Donna) ha avviato dal nulla un servizio per la condizione femminile e per i genitori, servizio che oggi è al centro di una rete di interventi sociali. In questo modo, viene a realizzarsi la “presa in carico globale” che resta l’unico strumento di intervento di fronte a famiglie multiproblematiche e in contesti in cui il disagio personale può intrecciarsi con l’ignoranza e la malavita.
“Temi scottanti e attuali, trattati in profondità durante due corsi di formazione che abbiamo organizzato a Sant’Anastasia – afferma la Presidente della Commissione Pari Opportunità, dott.ssa Francesca Beneduce – coinvolgendo una rete di soggetti inaspettata dall’Università e Tribunale alla Provincia e Regione. Sono state esperienze che, a parte il successo di iscritte/i e la partecipazione attiva alle lezioni tenute da docenti di ottimo livello, le tesine e le borse di studio, hanno lasciato in noi, nei docenti e discenti la determinazione a continuare sulla strada intrapresa. Con una novità. Cercheremo di offrire una formazione teorica ed anche pratica chiedendo la collaborazione di chi opera sul territorio. Un altro aspetto che ci ha convinti è la rete. Ritengo importantissimo far nascere le progettualità con una rete che veda coinvolti: gli assessori alle politiche sociali, i Servizi Sociali dei Comuni dell’Ambito, lo stesso Ambito N10, le Commissioni Pari Opportunità, l’ASL, i Dirigenti Scolastici, le scuole di ogni ordine e grado, le parrocchie, le associazioni e tutte le realtà del terzo settore. Le azioni positive sui territori, l’affido e l’adozione devono tenere presente la centralità del più debole e in particolare dei piccoli”.
Per tali motivi, “Prendere un bambino per mano …” vuol essere solo una tappa del servizio Spazio Famiglia, a vantaggio delle famiglie più in difficoltà, ma anche per quanti sul territorio vogliono essere “strumenti d’amore” per le persone più indifese: i bambini.
Non ultimo, il percorso si avvarrà della grande l’esperienza della cooperativa Irene ’95 nella gestione di comunità di tipo familiari a favore di minori senza riferimenti educativi (Casa Irene e Casa Letizia). Proprio la Procentese è responsabile delle due comunità e pertanto sarà un valido interlocutore per quanti vorranno conoscere meglio le difficoltà dei minori e quello che possono fare per alleviarle.
Grazie alla collaborazione di don Raffaele, parroco di Santa Maria La Nova, gli incontri si terranno presso il salone parrocchiale in via Madre Teresa di Calcutta (già piazzetta Scuole Elementari) dalle 18.00 alle 20.00, venendo così incontro anche ai tanti papà impegnati fino a tardi per il lavoro.

“Spazio Famiglia – spiega Franco Micucci - è un servizio gratuito a favore di tutte le famiglie del territorio, grazie ai finanziamenti della Legge 328/00 e alla progettualità dell’Ufficio di Piano N10. Presso tale servizio, le famiglie possono avvalersi di psicologi, mediatori familiari, assistenti sociali e avvocati per delle consulenze inerenti la vita familiare quotidiana, oltre a ricevere sussidi psico-socio-legali per i momenti di difficoltà nella coppia e nell’educazione dei figli. Inoltre, Spazio Famiglia, grazie all’educatore professionale e all’animatore di comunità, realizza momenti ricreativi e pubblici per permettere di avere tempi di svago e di socializzazione, oltre ad in/formare la popolazione sulle tematiche familiari”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©