Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Presente anche l'europarlamentare Clemente Mastella

Scampia: all'Itis G. Ferraris incontro per palare di giovani e lavoro


.

Scampia: all'Itis G. Ferraris incontro per palare di giovani e lavoro
28/11/2009, 14:11

NAPOLI - In una zona dell'interland partenopeo da sempre difficile e nota per tristi eventi di cronaca, si è deciso di organizzare un convegno per  parlare di una tematica altrettanto delicata e spesso spigolosa: l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e il dialogo tra le scuole medie superiori e le imprese. All’interno dell’Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Ferraris di Scampia, il dirigente dell’istituto Vincenzo Ciotola, ha difatti provveduto all’organizzazione di un incontro per discutere  del libro “L’esperienza della filiera”, scritto da Giorgio Mottola per il progetto pilota d’integrazione afferente il settore per l’obbligo formativo. All’interno dell’aula magna, un folto e vibrante gruppo di studenti ha accolto con applausi ed urla d’approvazione prima il coro polifonico della scuola e, successivamente, gli interventi dei diversi relatori tra i quali figurava anche l’Europarlamentare Udeur Clemente Mastella.
"Per troppi anni- esordisce Mottola- le scuole hanno parlato un linguaggio differente da quello degli studenti che dovevano formare; dimostrando anche una scarsa attitudine con le dinamiche sociali presenti all'esterno degli istituti". Secondo l'autore del testo, dunque "occorre che anche il personale docente si adegui ai nuovi ritmi del mondo moderno ed impari a destreggiarsi tra le nuove tecnologie come ad esempio le chat; ottimo mezzo di comunicazione per chi vuole imparare ad esempio l'inglese chattando con studenti di altre nazionalità".
Intervenuto in conclusione di dibattito, Clemente Mastella ha sottolineato l'importanza di un corpo docente che sia, prima di tutto, un gruppo di "scopritori di talenti" ricordando che, in particolar modo nella regione Campania e all'interno di cittadine come quella di Scampia, la ricerca e la valorizzazione dei giovani di talento è un elemento fondamentale ed irrinunciabile dell'opera formativa.
Proprio il Ferraris della cittadina napoletana si è mosso in prima linea per garantire lo sviluppo di un percorso integrato per l'assolvimento dell'obbligo formativo. Per dirla in parole povere,  l'Itis diretto da Ciotola si è mosso in maniera efficace e fattiva per assicurare un contatto più proficuo e "razionalizzato" tra la scuola e il mondo del lavoro; sfruttando quelle poche ma vitali risorse economiche messe a disposizione delle scuole campane.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©