Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SCIOPERI, OGGI TOCCA A RICERCA E UNIVERITA'


SCIOPERI, OGGI TOCCA A RICERCA E UNIVERITA'
29/10/2007, 10:10

Dopo i dipendenti pubblici (compresi i 700 mila medici, veterinari, infermieri e amministrativi) e la scuola, oggi tocca al comparto Ricerca e Università. Lo sciopero è per tutta la giornata. Il comparto Università e Ricerca di Cgil, Cisl e Uil, dalle 10 si mobiliterà anche in un presidio al ministero della Funzione Pubblica, a Roma. Al centro della protesta, ricordano i sindacati, la mancanza di risorse per il rinnovo del contratto per il biennio 2008-2009, la mancanza di risorse aggiuntive in Finanziaria per il rilancio di tutto il comparto e la mancanza degli atti di indirizzo per l'apertura della trattativa per il biennio 2006-2007.

Oltre allo sciopero dei lavoratori dell'università e ricerca aderenti a Cgil-Cisl e Uil, la settimana che si apre interesserà anche la protesta di altre categorie, a cominciare dai metalmeccanici che incroceranno le braccia per otto ore martedì 30 ottobre.
Ecco in sintesi le modalità degli scioperi proclamati per i prossimi giorni

- LUNEDI' 29 - UNIVERSITA': sciopero lavoratori università e ricerca aderenti a Cgil, Cisl e Uil.
- MARTEDI' 30 - METALMECCANICI: sciopero dei dipendenti delle aziende metalmeccaniche. Il pacchetto è di otto ore delle quali almeno quattro da utilizzare il 30 ottobre in manifestazioni territoriali.
- MARTEDI' 6 NOVEMBRE - PILOTI ALITALIA: stop dalle 10.00 alle 14.00 dei piloti aderenti all'Unione piloti. Lo stesso giorno sempre dalle 10.00 alle 14.00 scioperano i lavoratori di Alitalia express aderenti a Filt-Cgil, Fit-Cisl, Ugl e Unione piloti.
- VENERDI' 9 NOVEMBRE - RDB E EUROFLY Sciopero del sindacalismo di base. Stop del sindacato autonomo dei trasporti Sdl per bus,treni e aerei e delle Rdb-cub del pubblico impiego. Sempre il 9,dalle 12.00 alle 16.00, scioperano i piloti dell'Eurofly aderenti all'Anpac.
- VENERDI' 16 NOVEMBRE - COMMERCIO: sciopero per i lavoratori del commercio che operano su cinque giorni. Il giorno successivo si fermano quelli che lavorano su sei o sette giorni (come i commessi). 
(Fonte:ansa.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©