Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Il punto sul decreto scuola, università e ricerca.

Scuola, 69mila assunti "Non guadagneranno più di 1.200 euro"


Scuola, 69mila assunti 'Non guadagneranno più di 1.200 euro'
10/09/2013, 10:53

ROMA - "Le 69mila assunzioni decise dal Consiglio dei Ministri hanno un prezzo non indifferente: quello del mancato adeguamento stipendiale di tutti coloro che verranno immessi in ruolo nel prossimo triennio". E' quanto sostiene l'Anief citando il decreto approvato ieri dal Cdm nella parte in cui si indica la necessita' di avviare "una specifica sessione negoziale concernente interventi in materia contrattuale per il personale della scuola, che assicuri l'invarianza finanziaria". "Da parte del Governo dunque - spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir - vi e' la chiara volonta' di assumere personale e mantenerlo per un tempo congruo con lo stipendio bloccato a circa 1.200 euro al mese. Addirittura inferiore a quello che docenti e Ata percepiscono oggi da precari". La scuola e' "il cuore dell'impegno" del governo, da cui "riparte il futuro" del Paese aveva detto ieri il premier Enrico Letta presentando il decreto legge su scuola, universita' e ricerca varato dal CdM: "Un intervento molto forte e significativo per il mondo della scuola, degli insegnanti, delle famiglie e degli studenti", per far "riesistere in Italia il diritto allo studio". Tra le misure più attese, l'assunzione di oltre 26mila docenti di sostegno e l'abrogazione del bonus maturità. Per i precari, il governo prevede un piano triennale di immissione in ruolo di 69mila docenti e 16mila ATA (Ausiliari tecnici e amministrativi). Il ministro Lorenzin - affiancato da Kyenge e Delrio oltre che da Letta e Carrozza nella conferenza stampa - ha sottolineato le misure in cui erano coinvolti i loro ministeri: l'estensione del permesso di soggiorno agli studenti per la durata del corso universitario, i fondi per la lotta alla dispersione scolastica e per l'apertura delle scuole nel pomeriggio e la streta su fumo e sigarette a scuola.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©