Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SCUOLA: CISL, NO SCIOPERO SE BERLUSCONI CI CONVOCA


SCUOLA: CISL, NO SCIOPERO SE BERLUSCONI CI CONVOCA
12/10/2008, 16:10

La Cisl rinuncerebbe "volentieri" allo sciopero sulla scuola "a condizione che il governo ci convochi con gli enti locali per discuterne". Il segretario Raffaele Bonanni enuncia poi come dovrebbe riorganizzarsi la scuola: "Siamo per la riforma della scuola di popolo, i lavoratori non possono mandare i figli alle private. Berlusconi ci convochi". Quanto ai tagli decisi, per Dario Franceschini sono "vera e propria macelleria sociale, un attacco alle fasce più deboli".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©