Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Scuola: Con Dedalus la dispersione scolastica è al 3%

La media nazionale per l'Istat è del 18%

Scuola: Con Dedalus la dispersione scolastica è al 3%
11/12/2013, 11:21

Si tiene oggi, 11 dicembre 2013, alle 16, all'Auditorium di Città Studi Biella, il seminario con il quale vengono condivisi i risultati di Dedalus, il progetto europeo contro la dispersione scolastica finanziato con un bando Interreg e realizzato tra la provincia di Biella e la Svizzera, con 324 ragazzi. I primi risultai sono più che incoraggianti: dal monitoraggio degli studenti partecipanti al progettp emerge che, a un anno di distanza dall'intervento e dopo aver scelto la scuola superiore, soltanto il 3% si è ritirato o ha intenzione di ritirarsi. Un esito di rilievo considerando che il dato Istat sulla dispersione scolastica nazionale parla del 18% (2011).
Dopo due anni di lavoro il progetto, realizzato dalla cordata Città Studi Biella, Alta Scuola Pedagogica dei Grigioni, Scuola Holden e Università di Torino,  si conclude con successo. L’obiettivo di Dedalus è quello di contrastare la dispersione scolastica dopo la terza media. E’ la prima esperienza del genere mai avvenuta in Italia: un progetto sperimentale che utilizza la narrazione per l'orientamento, grazie all'intervento in classe di scrittori e di counselor.
Si parla parla di questo oggi, dalle 16, nel corso del seminario tecnico con gli esperti e poi, dalle 18.30, nella serata che vede protagonisti per raccontare ai ragazzi la propria storia alla ricerca di un posto nel mondo Giusy Versace, atleta paralimpica e professionista della moda; Marco Balzano, insegnante-scrittore vincitore del premio Flaiano 2013; la ginnasta Francesca Deagostini, nazionale e protagonista di Ginnaste, MTV; Gianluca Fubelli, attore e comico (Colorado, Italia 1).
Nel corso della serata coordinata da Alessandra Tedesco, Radio 24, viene proiettato in anteprima il video con le testimonianze di Roberto Saviano e Alessandro Baricco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©