Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

La denuncia di “Cittadinanzattiva”: un vero allarme

Scuola e sicurezza: un edificio su quattro è fuorilegge


Scuola e sicurezza: un edificio su quattro è fuorilegge
20/09/2011, 11:09

ROMA - Aule fatiscenti, intonaco che si stacca, niente certificazioni e scarsi controlli: è allarme sicurezza per le scuole italiane, secondo il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su “Sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici”, presentato oggi a Roma. Oltre un edificio scolastico su quattro, si legge nel rapporto, è del tutto fuorilegge. I numerosi distacchi di intonaco (rilevati nel 18% delle classi), la presenza di altri segni di fatiscenza (30%), le finestre rotte (23%), l’assenza di tapparelle o persiane (56%), i pavimenti sconnessi (21%), banchi e sedie rotte (rispettivamente nel 13 e 18% dei casi), la presenza di barriere architettoniche (9%), sono tra i principali elementi di pericolo.
Il 28% degli edifici scolastici è del tutto fuorilegge, perchè privo delle certificazioni e dei requisiti di base previsti dalla legge sulla sicurezza. A questi dati si aggiunge l’aumento del numero di studenti per aula: le classi con più di 30 alunni sono 21 su un totale di 1234, ossia l’1,7%, mentre il ministero dell’Istruzione ha dichiarato che, quest’anno, il numero di classi oltre i parametri stabiliti è pari a circa lo 0,6% delle aule. Secondo l'’ssociazione, su circa 370.000 aule quelle con più di 30 alunni ammonterebbero a 2.220, per un totale dunque di oltre 66mila studenti. Inoltre l’88% delle aule non ha porte antipanico e le scale di sicurezza risultano assenti, in tutto o in parte, nel 22% delle scuole a più piani. Quanto alle certificazioni, meno di una scuola su 2 tra quelle monitorate possiede il certificato di agibilità statica (41%). La percentuale è quasi la stessa nel caso della certificazione igienico- sanitaria, presente solo nel 40% dei casi. E solo il 28% delle scuole ha la certificazione antincendi.
Calabria e Lazio sono i fanalini di coda nel possesso delle certificazioni. Il rapporto ha evidenziato diverse lesioni strutturali negli edifici controllati: i distacchi di intonaco interessano invece principalmente corridoi e ingressi (24%), aule e laboratori scientifici (18%), palestre e segreterie (17%), mense e sale professori (15%), bagni (13%), aule computer e biblioteche (5%). L’indagine sottolinea, inoltre, il deficit di manutenzione (34% delle scuole) e la necessità di interventi manutentivi ordinari (89% dei casi) e straordinari (31%). Questa situazione è determinata anche dall’età avanzata degli edifici: il 70% del campione risale a prima del 1974.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©