Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Il bando pubblicato su Gazzetta Ufficiale

Scuola, ecco il concorsone


Scuola, ecco il concorsone
26/09/2012, 13:02

Dopo anni di rinvii, è ora ufficiale. Torna il concorsone per reclutare docenti nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I grado e di II grado. Il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e sul sito internet del ministero (www.istruzione.it).

La modalita' di presentazione delle domande sara' solo on line (utilizzando la procedura informatica Polis presente sul sito del Miur) e potra' essere effettuata a partire dal 6 ottobre e fino alle 14 del 7 novembre. Si potra' concorrere in una sola regione, ma per piu' classi di concorso, con i necessari requisiti.

La selezione e' riservata quasi del tutto ai 160.000 docenti gia' abilitati ma e' aperta anche a quelli che alla data di entrata in vigore del Dm 460/1998 sono in possesso di un titolo di laurea o di un diploma conseguito presso le accademie di belle arti e gli istituti superiori per le industrie artistiche, i conservatori e gli istituti musicali pareggiati, gli Isef; e possono partecipare anche quelli che si sono laureati entro gli anni accademici 2001/2002, 2002/2003 e 2003/2004 se si tratta di corso di studi di durata quadriennale, quinquennale ed esennale.

Chi si presenta per i posti nella scuola dell'infanzia (1.411) e nella primaria (3.502) puo' essere diplomato negli istituti o nelle scuole magistrali se il titolo e' stato ottenuto entro il 2001/2002.  La selezione non sara' svolta pero' su tutte le classi di concorso. Ma solo su 16 tra classi e ambiti disciplinari. 

La prova preselettiva si svolgera' a dicembre nelle aule informatiche delle scuole e di alcune universita', e i candidati dovranno rispondere a 50 domande a risposta multipla in 50 minuti; si dovra' rispondere correttamente almeno a 35 domande e tutte saranno estratte da una serie di 3.500 quiz pubblici tre settimane prima della prova.

Lo scritto avra' carattere disciplinare e permettera' di ottenere al massimo 40 punti, mentre l'orale si dividera' in una lezione simulata di 30 minuti (la vera novita' del concorso) e una seconda parte di 30 minuti in cui si parlera' delle proprie motivazioni e si verificheranno le competenze didattico-pedagogiche; durante l'orale, che permettera' di raggiungere il punteggio massimo di 40 punti, saranno accertate anche le competenze linguistiche.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©