Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

“Classi poco numerose e lunghi tempi di istruzione”

Scuola, l'Ocse boccia l'Italia. "Investe poco in Istruzione"


Scuola, l'Ocse boccia l'Italia. 'Investe poco in Istruzione'
13/09/2011, 13:09

ROMA - Cosa penserà la signora Gelmini che crede di aver messo su un sistema scolastico e d’istruzione che quasi tocca la perfezione? È un giro di denunce quello mosso dall’Ocse, dal quale di sicuro non emerge un quadro idilliaco per il Paese Italia. Secondo il rapporto “Uno sguardo sull’Istruzione”, diffuso oggi dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, emergono questi dati:
In Italia è record di permanenza tra i banchi per gli studenti italiani, in quanto i tempi di istruzione nel Belpaese raggiungono, infatti, le 8.316 ore, contro una media Ocse di 6.732. in Italia, ancora, si è in coda per la spesa destinata alla scuola, gli stipendi degli insegnanti e il numero di laureati. Il nostro Paese riserva infatti alla scuola il 4,8% del Pil, mentre in media i paesi Ocse le garantiscono il 6,1%. Inoltre sono ancora pochi in Italia i giovani che si diplomano alla scuola superiore: questi rappresentano circa il 70,3% del totale della popolazione tra i 25-34 anni, contro una media Ocse dell’81,5%.
L’Italia, dunque, si attesta così al 29 esimo posto per gli investimenti nel campo dell’istruzione, mentre peggio fanno solo la Slovacchia (4% del Pil) e la Repubblica Ceca (4,5%). Tra il 2000 e il 2008, la spesa nella Penisola per la scuola primaria, secondaria e post-secondaria non universitaria è inoltre aumentata solo del 6% contro la media Ocse del 34%, facendo segnare il penultimo incremento tra i Paesi avanzati. La spesa per studente universitario è aumentata solo di 8 punti percentuali contro i 14 della media Ocse.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©