Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

In Sicilia i precari dicono: "invadiamo lo Stretto"

Scuola, tutti in piazza contro la Riforma Gelmini


Scuola, tutti in piazza contro la Riforma Gelmini
10/09/2010, 21:09

ROMA – Non accenna a diminuire l’ondata di proteste che sta facendo seguito alla cosiddetta “Riforma Gelmini”. Lunedì prossimo, giorno di riapertura delle scuole dopo la pausa estiva, in diversi istituti sono già state programmate assemblee, durante le quali   "tutti gli insegnanti sono invitati a discutere in classe degli effetti nefasti prodotti dai tagli della legge 133”.
Nonostante il Ministro si continui a proclamare soddisfatta per i tagli e i cambiamenti apportati negli istituti scolastici, dunque, i professori non ci stanno e si mobilitano: sempre lunedì, la protesta convergerà davanti al Miur dove, a partire dalle ore 15, si terrà un sit-in di tutto il mondo della scuola lanciato dagli studenti. Lì, Giuliana Lilli lancerà l'appello con cui concluderà il suo sciopero della fame. La mobilitazione continuerà almeno fino al 26 Settembre, fanno sapere i sindacati, giornata in cui si terrà un'assemblea nazionale unitaria di tutte le componenti della scuola rivendicata dai precari palermitani Giacomo Russo e Caterina Altamore.
Particolarmente attiva nella battaglia, la Sicilia. I precari hanno gi dichiarato di volere "Invadere lo Stretto" per realizzare "un ponte per la scuola”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©