Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SCUOLE APERTE 2008-2009: BULLISMO E INTEGRAZIONE I PROGETTI NEL VALLO DI DIANO


SCUOLE APERTE 2008-2009: BULLISMO E INTEGRAZIONE I PROGETTI NEL VALLO DI DIANO
20/10/2008, 13:10

"Sbullonando", e "Viaggio attraverso i linguaggi e la storia del mondo 2" sono i titoli dei due progetti di "Scuole aperte", l'iniziativa della Regione Campania che si svolgerà negli istituti scolastici del Vallo di Diano, e di cui si parlerà nel convegno "Il mondo nella scuola, la scuola nel mondo", in programma a Sant'Arsenio (Salerno) mercoledì prossimo, 22 ottobre, alle 17.30, nell'auditorium dell'Itc. "A.Sacco".

All'incontro parteciperanno l'assessore regionale alla formazione, Corrado Gabriele, il consigliere regionale del Pd, Donato Pica, l'assessore alle politiche giovanili della Provincia di Salerno, Massimo Cariello, i sindaci di Sant'Arsenio, Arsenio Pecora, e di Polla, Massimo Loviso, i dirigenti scolastici degli istituti statali presenti nei due Comuni, Bruno Vassallo e Rocco Colombo, e il responsabile del progetto nel Vallo di Diano, Luca Bertolini.
La novità della seconda edizione di "Scuole aperte" nel Vallo di Diano riguarda il progetto contro il bullismo che si svolgerà negli istituti comprensivi statali di Polla e Sassano. I tre moduli saranno suddivisi in 90 giorni, con corsi da tre ore ciascuno, e tre laboratori. Il percorso partirà dall'analisi del concetto di "bullo", e dalla sua valenza psicologica nel gruppo, attraverso una riflessione individuale che si trasformerà in riflessione collettiva sull'importanza del rispetto dell'altro e delle regole della società. Uno dei punti nodali del progetto riguarderà l'approfondimento di tre immagini chiave: star bene a scuola, star bene con sé stessi, spaziando dalle tecniche di autocontrollo all'educazione alimentare, fino alla cura e alla tutela dell'ambiente circostante, sia esso la natura o il semplice rapporto con i compagni di classe.
Il secondo progetto, "Viaggio attraverso i linguaggi e la storia del mondo 2", prosegue invece il percorso didattico iniziato nello scorso anno scolastico negli istituti di Sant'Arsenio (l'Itc. "A.Sacco" e l'istituto comprensivo statale) e nella scuola media statale di Teggiano. Nei cento giorni di corso (suddivisi in tre moduli, da tre ore giornaliere con tre laboratori specifici) l'obiettivo è di approfondire la cultura e le tradizioni della propria terra e dei gruppi sociali degli immigrati presenti sul territorio, attraverso lezioni di musica, arte, storia, geografia e approfondimenti sui concetti di diritti umani e convivenza pacifica, con il confronto diretto tra i partecipanti. A questi elementi si aggiungeranno corsi per l'utilizzo del computer e di internet.
"Abbiamo scelto due tematiche fondamentali per lo sviluppo cognitivo del bambino - ha spiegato il responsabile del progetto "Scuole aperte" per il Vallo di Diano, Luca Bertolini - e di forte attualità. L'integrazione e la lotta al bullismo, in questo momento, sono argomenti che possono e devono essere affrontati prima di tutto nella scuola, come luogo di crescita dei cittadini di domani, attraverso l'esposizione delle cosiddette "buone pratiche" che gli alunni apprenderanno nelle lezioni frontali e nei lavori di gruppo. "Scuole aperte", quindi, rappresenterà un'opportunità fondamentale per le nostre comunità - ha concluso Bertolini - restituendo alla scuola il suo ruolo non solo culturale in senso stretto, ma anche di "maestra di vita", e sosterrà il lavoro quotidiano degli insegnati, anche alla luce delle vicende che riguardano, in queste settimane, il dibattito sulla riforma e sul significato di istruzione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©