Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Secondigliano: seconda tappa di “Insieme a scuola”


Secondigliano: seconda tappa di “Insieme a scuola”
23/10/2012, 11:47

Napoli, 23 ottobre 2012. Secondo appuntamento alla scuola elementare Giuseppe Parini di Secondigliano per “Insieme a scuola”, l’iniziativa promossa dal 30° Circolo didattico per riportare a scuola di pomeriggio genitori e figli, uniti dall’interesse comune per i libri. Venerdì 26 ottobre si parlerà della storia millenaria del quartiere in occasione della presentazione del libro “Di quegli amori forti e disperati” di Emilio Lupo, segretario nazionale di Psichiatria democratica. La manifestazione, ideata e curata dal giornalista Salvatore Testa, si avvale del patrocinio della VII Municipalità di Napoli e della collaborazione dell’Associazione italiana maestri cattolici, della Ls comunicazione e della Gesco – cooperative sociali. L’obiettivo è di aprire sempre più la scuola al territorio e di essere sempre più vicini agli abitanti del quartiere.

“Insieme a scuola” si articola in due sezioni: “Le parole tra noi…leggere” destinata agli adulti, con la presentazione di quattro libri su altrettanti modi di vedere Napoli e la napoletanità; e “Ritorniamo a giocare”, nella quale i ragazzi di una quinta elementare saranno impegnati in attività ludiche attorno ai temi del libro e della lettura, condotte dagli operatori della cooperativa Terra e libertà di Gesco.

E’ un’iniziativa sperimentale che si svolgerà in quattro tappe: 12 e 26 ottobre; 9 e 23 novembre. Ad aprire le attività sarà la presentazione del libro “Il melodramma del baccalà” del giornalista Giovanni Ruggiero (Diana edizioni); seguiranno “Di quegli amori forti e disperati”, una storia di Secondigliano raccontata per fotografie da Emilio Lupo; “L’elogio del nullafacente” di Luigi Piazza (Pironti editore); e “Benvenuti in casa Esposito” di Pino imperatore. A moderare i dibattiti sono chiamati il dirigente scolastico Giuseppe Zorzetti, l’insegnante Tonia Morgani, i giornalisti  Luca Saulino, Valentina Cirillo e Salvatore Testa. Nel corso degli incontri sono previste la lettura di brani indicativi da parte dell’attrice Fernanda De Vita e “provocazioni” musicali del gruppo dei Wasichu.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©