Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Sergio Battaglia (Unimpresa): "Bankitalia e Governo vigilino su credito dopo asta Bce"


Sergio Battaglia (Unimpresa): 'Bankitalia e Governo vigilino su credito dopo asta Bce'
01/03/2012, 14:03

Appello all’Esecutivo e all’autorità di controllo affinché la liquidità della Banca centrale arrivi a finanziare le imprese

"Facciamo appello al Governo e alla Banca d’Italia perché assicurino che l’asta della Bce rimetta in moto il mercato del credito alle imprese”.
Dopo l’operazione di finanziamento della Banca centrale europea agli istituti di credito, il segretario generale di Unimpresa, Sergio Battaglia, spera che gli oltre 500 miliardi di euro (139 in Italia) di liquidità messi in circolazione dall’Eurotower “diano a ossigeno alle imprese”.
La preoccupazione fra gli imprenditori cresce giorno dopo giorno.
“I dati parlano chiaro: alla fine dell’anno – spiega il segretario generale di Unimpresa - la contrazione dei prestiti è stata pesantissima e in assenza di una netta inversione di tendenza, migliaia di imprese corrono il rischio di fallire”.
Secondo Battaglia “sia l’Esecutivo sia l’autorità di vigilanza hanno la possibilità, attraverso forti segnale sul piano della moral suasion di spingere le banche italiane a riaprire i rubinetti del credito”.
Unimpresa è un’organizzazione nazionale di categoria delle micro, piccole e medie. Presieduta da Paolo Lonbobardi, l'associazione raggruppa 130mila imprese che operano in diversi settori, dall'artigianato all'agricoltura, dal commercio all'industria, dal turismo ai servizi, dalla pesca alla nautica, dalle costruzioni ai trasporti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©