Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SIAR: "perplessità sull’operato del Ministro Brunetta"


SIAR: 'perplessità sull’operato del Ministro Brunetta'
12/04/2011, 13:04

Roma, 7 aprile 2011- <<Il Sindacato Italiano Autisti di Rappresentanza (SIAR), esprime forti perplessità sull’operato del Ministro Brunetta. I motivi delle contrarietà sono spiegati dal presidente del sindacato, Ernesto Gentilcore;”Siamo venuti a conoscenza del secondo monitoraggio promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica, iniziativa che nelle intenzioni del Ministro Brunetta “avrebbe” lo scopo di conoscere quante sono e i costi delle c.d. “auto blu”, niente di più falso!”, fermo e deciso Gentilcore;”Le auto blu, almeno come vengono considerate dall’immaginario collettivo, sono sia mezzi che guidate da rappresentanti delle forze dell’ordine, categoria che è esclusa dal censimento e, quindi, dai tagli conseguenti”.
Quindi chi sono i destinatari del censimento e dei tagli?
Risponde Gentilcore;”Le amministrazioni pubbliche, che ricordo forniscono servizi ai cittadini, con questi tagli sono messe in grossa difficoltà bloccandone - di fatto - l’operatività.
In questo modo – con tagli lineari a tutte le amministrazioni – si puniscono coloro i quali hanno gestito nel passato la gestione dei mezzi in modo oculato e parco, e che oggi si trovano nella condizione di non poter garantire più una adeguata logistica e operatività esterna, sono anni che si operano tagli, pur considerando la criticità del momento storico, sarebbe stato meglio, - prima - analizzare le diverse realtà e non procedere orizzontalmente.
Molto grave è l’atteggiamento di chi – falsamente – fa credere di voler fare cose che, in realtà, non fa, in più si spendono risorse pubbliche per fare continui e inutili monitoraggi togliendole, alla fine, ad altre necessità.
Dove sono finiti i proclami di premiare il merito e i più bravi, dove sono i tanto declamati strumenti meritocratici atti a migliorare la Pubblica Amministrazione, quando si opera sempre in modo da “punire” tutti, di esempi ce ne sono tanti ad iniziare dal blocco di tutti i contratti collettivi pubblici per tre anni, si mortifica soprattutto chi ancora è motivato!”>>

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©