Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Siulp: "Poche risorse per Polizia Napoli"


Siulp: 'Poche risorse per Polizia Napoli'
22/09/2009, 17:09


Il Siulp di Napoli, sulla base di una nuova fase di relazioni sindacali che mirano ad essere propositivi per contribuire alla risoluzione di problemi che da anni affliggono la Polizia napoletana, pensa che sia necessario denunciare le mancanze croniche che colpiscono la Questura di Napoli.
“Noi pensiamo - afferma il neo segretario generale provinciale Vincenzo Annunziata - che una Polizia moderna, capace di rispondere con mezzi moderni a tutte quelle azioni delittuose che giornalmente colpiscono la nostra città, sia strettamente collegata alla logica di considerare la sicurezza come un investimento. Non possiamo più ragionare in termini matematici perché garantire la qualità di vita dei cittadini è un obbligo oltre che un dovere. Credere - continua Annunziata - di combattere la criminalità, micro e macro, con auto obsolete, con un numero di poliziotti sempre minore (si pensi ai pensionamenti) e con una riduzione notevole della cancelleria è veramente fuorviante. Sosteniamo, con forza, l’investimento della sicurezza, un sacrificio che un Paese civile deve fare e cercare di realizzare”.
La Questura di Napoli ha mancanza di personale e di materiale, registrando problemi connessi alla logistica. “Pensiamo che ognuno debba fare uno sforzo necessario affinché – aggiunge il segretario generale provinciale - si realizzino le condizioni per consentire che la professionalità dei poliziotti napoletani sia utile per rendere al massimo, senza limitazioni legate al fatto che la tecnologia sia scadente oppure alla mancanza di risorse. Non è possibile avere un parco auto con macchine che hanno percorso migliaia di chilometri e non possiamo certamente aspettare che tra poco i chilometri diventano milioni”.
Il Siulp di Napoli lotterà, in questa nuova vita sindacale, per i colleghi e ogni giorno di questa lotta praticherà con i fatti quello che deve essere il requisito indispensabile d’ogni vera azione sindacale ovvero il rispetto vero, sacro, profondo per il poliziotto, per la sua persona e per il suo mestiere, e ponendo al centro d’ogni nostro discorso, azione ed intervento l’agente partenopeo. Pensiamo di porre come nostra priorità garantire la sicurezza dei lavoratori, con i fatti e non con le parole.
Il Siulp di Napoli è sicuramente pronto a fare la propria parte per rendere il lavoro dei poliziotti napoletani migliore e più sicuro, ma non accetteremo e non accettiamo in modo passivo le decisioni che sono difformi dalla tutela dei poliziotti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©