Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SORPRESA, GLI ITALIANI AMANO LAVORARE


SORPRESA, GLI ITALIANI AMANO LAVORARE
19/05/2008, 21:05

Gli italiani sono i più stakanovisti d’Europa. Non usufruiscono di tutti i giorni di ferie messi a disposizione, ma allo stesso tempo ritengono che con una vacanza alle spalle in ufficio si possa rendere di più. Spazzati i luoghi comuni sui fannulloni? Forse. Un’indagine condotta da Edelman per Expedia in Italia ed in altre nazioni, rivela che su 33 giorni di vacanza all'anno a cui hanno diritto gli impiegati in Italia, sei giorni vengono lasciati sul “piano ferie”.

A non sfruttarli è il 47% dei lavoratori, quasi la metà. E le vacanze? il 44% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi riposato e ringiovanito dopo un periodo di relax. Solo il 44 per cento? Un altro 40% si sente più brillante e veloce in ufficio. Rimane evidente l’attaccamento alla professione: ben un quarto dei lavoratori rimane in ufficio più delle canoniche 40 ore settimanali. Inoltre il 15%, i cosiddetti "workaholic", continua a controllare anche nei giorni di ferie con messaggi di lavoro, e-mail e telefonate. Un 16% per cento si é pure visto costretto a cancellare o posticipare vacanze già programmate a causa di improrogabili e imprevisti impegni di lavoro.

Nella classifica europea sono i francesi ad andare in vacanza più di tutti: su 37 giorni di ferie a disposizione, sul "piano ferie" ne rimangono in media solo due. Ma non tutti hanno tanti giorni di ferie come gli europei: i Canadesi ne hanno 19 all’anno, gli americani soltanto 14. Gli impiegati della Gran Bretagna hanno 26 giorni all'anno, due in meno degli austriaci e degli olandesi. Mentre Germania, Spagna e Italia hanno rispettivamente 27, 31 e appunto 33 giorni di media di ferie all'anno il record e della Francia.
 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©