Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Studenti Federico II propongono: " Il CUS affidato a De Laurentis per rilanciare una struttura decadente"


Studenti Federico II propongono: ' Il CUS affidato a De Laurentis per rilanciare una struttura decadente'
15/02/2012, 12:02

Gli studenti della Federico II hanno chiesto al Rettore Marrelli di iniziare la procedura di affidamento del Centro Universitario Sportivo al Presidente del Napoli che nei mesi
scorsi ha mostrato interessamento per la struttura.

Antonio Angelino, Presidente del Consiglio degli Studenti Federico II dichiara: "In virtù della recente notizia di un interessameno del Presidente De Laurentis per il CUS lo invitiamo ad  illustrare pubblicamente agli Studenti della FedericoII le sue idee ed progetti per il rilancio della struttura sportiva. La comunità studentesca nutre vivo interesse su quelle che sono le potenzialità inespresse del CUS e le proposte per valorizzare e rilanciare il complesso da parte di un imprenditore che tanto sta facendo per questa città e per la sua squadra di calcio".

Marcello Framondi Segretario regionale della Confederazione degli Studenti rincara la dose: "In questi ultimi 20 anni di gestione monocratica il CUS non ha certo brillato per eccellenza e capacità organizzative. Numerosi studenti ci segnalano ogni anno numerosissimi disservizi che vanno dalle precarie condizioni della pista di atletica e del campo di rugby, alla quasi inagibilità degli spalti del campo di gioco, ai servizi scadenti per talune discipline. Quasi tutti gli studenti ci segnalano rette applicate dalle società sportive attive nel Cus in linea con il mercato privato con ben pochi benefici per gli studenti. Tali lamentale restano quasi sempre inascoltate in virtù del fatto che le Rappresentanze Studentesche all' interno del CUS vengono convocate meno di due volte l' anno. Riteniamo un eventuale ingresso,di una Società seria e preparata come i Calcio Napoli, un auspicio e un grande fattore di rilancio per il Centro Universitario Sportivo napoletano".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©