Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

SVILUPPO ITALIA CAMPANIA: DA REGIONE COLPEVOLE INERZIA


SVILUPPO ITALIA CAMPANIA: DA REGIONE COLPEVOLE INERZIA
08/01/2009, 15:01

Con una lettera aperta al Presidente della Giunta Regionale della Campania, Antonio Bassolino, all’Assessore alle Attività Produttive, Andrea Cozzolino, al Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Alessandra Lonardo e ai Capigruppo del Consiglio della Regione Campania, CGIL, CISL E UIL denunciano come per Sviluppo Italia Campania gli impegni presi risultano ancora disattesi e come, nonostante le ripetute richieste di attivazione e di incontro, la Regione Campania persista in uno stato di colpevole inerzia, mentre Invitalia procede a spostare dalla Campania alla casa madre sempre più attività.

Da ciò ne deriva un ulteriore impoverimento immediato e tendenziale, per una struttura, Sviluppo Italia Campania, che ha negli anni prodotto sempre utili, dimostrando professionalità e capacità di svolgere al meglio le proprie mansioni.
Cgil, Cisl e Uil chiedono pertanto che si proceda in tempi rapidissimi alla sottoscrizione del protocollo di intesa tra Regione, Invitalia e Ministero dello Sviluppo Economico per il completamento del processo di regionalizzazione.
Nonostante la scadenza fosse stata concordata, da ultimo, per il 30 novembre 2008, infatti, ad oggi il protocollo, in Campania, non è ancora stato sottoscritto, mentre in altre regioni hanno provveduto da tempo (in Puglia addirittura il 14 febbraio 2008) completando anche il seguente processo di regionalizzazione.
 
Segue testo della lettera.
 
Cgil Cisl e Uil Campania stigmatizzano lo stato di colpevole inerzia della Regione Campania in merito al futuro di Sviluppo Italia Campania.
Nonostante gli impegni presi (da ultimo il 6 novembre 2008), nonostante il senso di responsabilità dimostrato dal sindacato e dai lavoratori in tutte le fasi, anche delicate, che si sono finora susseguite rispetto a una struttura sana, con elevate professionalità e che negli anni ha prodotto sempre utili, nonostante le ripetute richieste di incontro indirizzate dai sindacati al Presidente della Giunta regionale della Campania, Antonio Bassolino e all’Assessore alle Attività produttive, Andrea Cozzolino, non si è ancora provveduto alla sottoscrizione del protocollo di intesa  tra Regione, Invitalia e Ministero dello Sviluppo Economico per il completamento del processo di regionalizzazione.
Tutto ciò mentre in altre regioni il medesimo atto è stato sottoscritto da tempo (in Puglia addirittura un anno fa, il 14 febbraio 2008) e si è finanche provveduto a completare i processi di regionalizzazione.
 
In questo stato di colpevole inerzia della Regione Campania, inoltre, Invitalia sta provvedendo a spostare sempre di più attività finora di competenza di Sviluppo Italia Campania presso la propria struttura nazionale, creando le premesse per una conflittualità tra lavoratori e lavoratori che andrebbe in ogni caso scongiurata e  ritardi nell’erogazione dei contributi destinati alla creazione di nuove aziende.
 
Tutto ciò premesso, Cgil Cisl e Uil esigono l’immediata attivazione di tutti i destinatari della presente e in particolare di chi ha precise responsabilità istituzionali, affinché si provveda rapidamente a dare corso all’iter per il completamento della regionalizzazione di Sviluppo Italia Campania.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©