Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

“TERMINIADI DI MATEMATICA”: DA DOMANI SFIDA ALL’ULTIMA EQUAZIONE PER 4.700 STUDENTI IRPINI


“TERMINIADI DI MATEMATICA”: DA DOMANI SFIDA ALL’ULTIMA EQUAZIONE PER 4.700 STUDENTI IRPINI
04/11/2008, 10:11

Dal 5 novembre 2008, 4.300 studenti irpini (coinvolti 11 istituti superiori e 21 scuole medie) parteciperanno alla prima edizione delle “Terminiadi di Matematica”. L’iniziativa rientra nel più ampio progetto di promozione culturale “EleMenti del Sud” (vedi brochure allegata), ideato e promosso dalla cooperativa irpina “La Girella” in collaborazione con l’Ente di formazione “Promoter Service”. Obiettivo degli organizzatori è appassionare allo studio della matematica - disciplina ostica a tanti studenti italiani, come dimostrano le statistiche pubblicate negli ultimi mesi - i giovani delle scuole medie e superiori della provincia.

 
La competizione si articolerà in tre fasi. Domani gli studenti sosterranno, presso i propri istituti, un primo test di trenta domande a risposta multipla. Gli sfidanti avranno un’ora e un quarto di tempo per completare la prova e, “dettaglio” importante, non sarà consentito l’uso delle calcolatrici. Chi supererà la prova accederà alla seconda fase, da svolgersi a metà novembre, che consisterà in un secondo test con un livello di difficoltà superiore. I partecipanti saranno divisi in tre classi: terze medie, biennio e triennio. Chi supererà anche questa prova accederà alla fase finale, un test ancora più difficile.
 
I vincitori, i primi di ogni classe, verranno premiati durante la cerimonia conclusiva della manifestazione, in programma per gli inizi di dicembre presso il Cineplex di Mercogliano (Av). I premi (tra cui abbonamenti gratuiti al cinema e libri) saranno offerti dagli sponsor che hanno aderito all’iniziativa: “Cineplex”, “Librerie Guida”, “My Fin”, “Icaro”, “Planet”, “Corti e Neri” . I test sono stati elaborati dal comitato scientifico delle “Terminiadi di Matematica”, composto dai docenti Franco Festa, Germano Germani e Salvatore Amico. “Siamo piacevolmente sorpresi per la massiccia adesione delle scuole irpine al nostro gioco-concorso – dice Piero Lo Vuolo, ideatore delle Terminiadi -, non solo licei, ma anche tanti istituti professionali. Vogliamo contribuire a restituire centralità allo studio della matematica e valorizzare i migliori cervelli della nostra terra. La nostra attenzione, oltre che agli studenti, è rivolta anche ai docenti. Per questo, dopo le Terminiadi, daremo vita ad una scuola di matematica dedicata proprio a loro”.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©