Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Test a luglio e graduatoria nazionale

Test d'ingresso all'Università, nuove regole per l'ammissione

Da quest'anno inciderà anche il voto di diploma

Test d'ingresso all'Università, nuove regole per l'ammissione
28/04/2013, 16:12

Cambiano le regole per l’ammissione alle facoltà a numero chiuso programmato a livello nazionale, ossia Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Architettura e Professioni sanitarie.

A partire da quest’anno, infatti, innanzitutto i test si svolgeranno nel mese di luglio, con l’unica eccezione per Professioni sanitarie, il cui test d’ammissione si terrà a settembre. In secondo luogo, si terrà conto anche del voto di diploma nel conteggio del punteggio del test d’ammissione. Il voto del diploma, nella valutazione del test, avrà un peso non superiore al 10%, ma sarà necessario conseguire la maturità con almeno 80 centesimi. Entro il 31 maggio il Miur fornirà la tabella di riferimento per la conversione precisa  del voto di maturità in punteggio di partenza, secondo uno schema che terrà in considerazione le differenze di valutazione tra le scuole. Si tratta di un sistema che la Rete degli Studenti critica, affermando che spesso il voto dell’esame di maturità viene falsato da molteplici fattori, motivo per cui è errato che esso influisca sulla possibilità di accesso all’università. Le iscrizioni ai test d’accesso alle facoltà a numero chiuso, ad ogni modo, potranno essere presentate dal 6 maggio al 7 giugno a prescindere dai voti ottenuti.

Altre novità importanti riguardano la composizione del test, che vedrà una riduzione dei quesiti da 80 a 60 (a cui corrisponderà anche una riduzione del tempo a disposizione, da 120 a 90 minuti) e una riduzione delle domande di cultura generale, il cui numero sarà di cinque.

Infine, dopo anni di ricorsi al Tar da parte degli studenti per questioni relative alle sperequazioni tra ateneo e ateneo, il ministero opta per la graduatoria nazionale, che permette ad uno studente che abbia raggiunto un punteggio sufficiente all’ammissione, ma che non rientri nel numero di posti previsto per l’ateneo per il quale sostiene l’esame, di accedere ad un altro ateneo in cui vi sia ancora posto. I risultati dei test saranno disponibili tra il 5 e il 7 agosto e la graduatoria sarà su base nazionale.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©