Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Quesiti cancellati e dati per buoni in ogni classe

Test Tfa, il ministero corregge le domande


Test Tfa, il ministero corregge le domande
12/08/2012, 12:01

MILANO – Ormai si sa, in Italia tutto può succedere anche correggere i quesiti del Tfa, piuttosto che le risposte. Ed è proprio quello che è accaduto. Il polverone dei test Tfa (Tirocinio formativo attivo ndr) si è scatenato dopo che migliaia di aspiranti insegnanti hanno riscontrato errori e domande ambigue. Così, il ministero ha pensato bene di correggere i quesiti dando così il via libera ai test d’ammissione per diventare insegnanti.  
La commissione nominata dal Miur per far fronte alle centinaia di contestazioni piovute da ogni parte di Italia ha provveduto a stilare una lista delle domande corrette, eliminando quelle sbagliate, date per buone a tutti i candidati. I nuovi risultati sono poi stati pubblicati sul sito del Cineca.
Il sito sul mondo della ricerca Roars si è preso la briga di stilare le medie, constatando un sensibile abbassamento della soglia di ammissione. E soprattutto che non c'è neppure una classe di concorso esente da errore: “Il fatto è che ora il numero di risposte errate o equivoche da ritenere comunque corrette - scrive Francesco Coniglione, ordinario di Storia della filosofia - è incredibilmente alto. Si va da 25 domande su 70, cioè il 35,71% di quesiti errati, a un minimo di 4, con una media superiore al 16%. Insomma non v’è una classe di concorso in cui gli esperti del Miur abbiano saputo formulare tutti i quesiti in modo corretto!”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©