Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Tg dei ragazzi: protagonista il "Campo del Moricino"


.

Tg dei ragazzi: protagonista il 'Campo del Moricino'
28/05/2010, 16:05

NAPOLI - L’Istituto comprensivo “Campo del Moricino” protagonista dell’edizione 2009/2010 del tg dei ragazzi. In collaborazione con Julie Italia, la scuola ha realizzato un vero e proprio telegiornale che ha visto i ragazzi indossare i panni di giornalista e inserirsi, con ottimi risultati, nella realtà dell’informazione e della televisione. L’obiettivo era chiaro: creare un prodotto completamente realizzato dai giovani che mettesse in evidenza le attività dell’istituto e il territorio nel quale si inserisce (piazza Mercato) mettendo i risalto le attività della scuola e offrendo anche uno spaccato sulla vita dei giovani di oggi.
I servizi che compongono il tg dei ragazzi del Campo del Moricino sono 8 e spaziano in diversi settori. Si parte con un’intervista al dirigente scolastico Carmine Negro, si passa ad un’analisi dettagliata del territorio cercando di capire, anche con sondaggi fatti tra le gente della zona, cosa manchi, quali siano i problemi e come risolverli. Spazio alla storia e ai corsi che i ragazzi possono sostenere negli orari extra-curriculari dalla musica, all’informatica, dalla ceramica allo sport.
Inoltre è presente un sondaggio fatto tra gli alunni dell’istituto che evidenzia il legame che si è venuto a creare tra i giovani e internet. Il fenomeno facebook e il fascino che esercita sai ragazzi.
Il progetto si è inserito nella grande fascia delle iniziative dei PON ed è durato dieci settimane per un risultato che ha soddisfatto tutti.
“Abbiamo potuto evidenziare i progetti scolastici – ha sottolineato il dirigente scolastico Carmine Negro – sia da un punto di vista di corsi che da un punto di vista di sinergia con il territorio. E’ stato molto bello vedere l’impegno dei ragazzi e scoprire le loro qualità”.
Il progetto ha avuto come referente il professor Francesco Castaldo che ha sottolineato come i ragazzi si siano divertiti e quanto il progetto abbia arricchito il bagaglio culturale e la formazione degli alunni sui vari aspetti: da quello linguistico a quello tecnico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©