Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

TMC avvia in Giappone i test per l’infrastruttura di ricarica di veicoli PHV ed EV


TMC avvia in Giappone i test per l’infrastruttura di ricarica di veicoli PHV ed EV
29/08/2012, 16:26

Toyota Motor Corporation (TMC) condurrà da Novembre 2012 fino a Marzo 2013 una serie di test presso la Prefetturadi Aichi, in Giappone, per verificare il funzionamento dei punti di ricarica standard[1] per i veicoli plug-in (PHV) e per quelli elettrici (EV). I test saranno effettuati insieme a due enti governativi e a 10 aziende[2].

 

Attualmente, l’installazione dei punti di ricarica in Giappone viene portata avanti a discrezione delle strutture commerciali e non, senza che esista un metodo condiviso per il recupero delle spese. Per risolvere questo problema, alcuni enti nazionali e locali hanno stabilito degli obiettivi con lo scopo di promuovere la diffusione dei veicoli di nuova generazione come i PHV e gli EV.

 

I test valuteranno il posizionamento ottimale dei punti di ricarica, oltre al loro funzionamento e ai relativi metodi di pagamento, con l’obiettivo di facilitare la creazione di un’infrastruttura di ricarica su vasta scala, che faciliterebbe l’approvazione dei nuovi veicoli da parte del pubblico e porterebbe alla realizzazione di una società a basse emissioni carboniche.

 

I test si concentreranno sui caricabatterie standard da utilizzare sia per i PHV che per gli EV, aiutando gli operatori ad abbattere i costi di realizzazione. Le seguenti aree saranno quelle sottoposte ad un’analisi particolareggiata:

1) Un nuovo caricabatterie a gettoni basato sulla “G-Station”, ideata dalla Toyota Media Service Corporation, sviluppato per verificare la fattibilità dei diversi metodi di pagamento.

2) Un numero pari a circa 20 caricabatterie standard verrà installato presso centri commerciali, strutture pubbliche e parcheggi a pagamento per verificare l’utilizzo e la funzionalità dei punti di ricarica.

3) La diffusione di alcune informazioni verrà valutata attraverso la connettività Wi-Fi delle “G-Station”, con l’analisi dell’utilità delle differenti tipologie di informazioni. Le notizie potrebbero riguardare gli orari di apertura e gli eventi organizzati presso le strutture commerciali, oltre agli aggiornamenti sulle eventuali calamità naturali pressola Prefetturadi Aichi.

 

I test di verifica potrebbero avvalersi dei fondi provenienti dal “Subsidy Program to Support R&D for the Creation of New Aichi”[3]. Gli eventuali fondi verranno utilizzati principalmente per promuovere l’installazione dei punti di ricarica.

 

Attraverso questa iniziativa, TMC hai intenzione di proporre una nuova struttura per un’adeguata diffusione dei punti di ricarica, aiutando gli operatori nel recupero dei costi. Oltre a questo, TMC vuole proseguire nella diffusione sul mercato dei PHV, degli EV e di altri veicoli elettrici di nuova generazione, contribuendo così al miglioramento ed efficienza delle infrastrutture di ricarica.

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©