Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Tre operai Fiat licenziati a Melfi, lo sdegno della Sassone


Tre operai Fiat licenziati a Melfi, lo sdegno della Sassone
15/07/2010, 15:07


ROMA - Tre operai del reparto montaggio dello stabilimento della Fiat di Melfi, due dei quali delegati Fiom, sono stati licenziati con l’accusa di aver ostacolato il carrello robotizzato durante un corteo interno e di aver impedito ai lavoratori che non partecipavano allo sciopero di svolgere le loro abituali mansioni. In segno di protesta i tre operai licenziati sono saliti sulla “Porta Venosina”, monumento del centro storico di Melfi, dove nella giornata di domani saranno raggiunti dai loro colleghi che sciopereranno e manifesteranno contro la decisione presa dall’azienda. “Nell’Italia della legalità e delle libertà violate – ha affermato Antonella Sassone, viceresponsabile per il Lavoro e l’Occupazione dell’Italia dei Diritti – il licenziamento facile appare l’approdo naturale dell’evoluzione del sistema giuslavoristico nazionale. Se poi ad essere licenziati sono tre lavoratori aderenti ad uno sciopero promosso dalla Fiom tanto meglio. E se due di loro sono anche rappresentanti sindacali allora se la sono proprio cercata, trattandosi di un’organizzazione di categoria della Cgil che è al momento l’unico sindacato che non firma accordi con i padroni a danno dei lavoratori”. Nel frattempo i colleghi della Fiat di Mirafiori iscritti alla Fiom, consapevoli della grave crisi economica che sta attraversando l’industria automobilistica italiana, hanno scritto all’amministratore delegato Sergio Marchionne per chiedergli un confronto franco, lontano dai riflettori mediatici, allo scopo di affrontare insieme i problemi dell’azienda e far sì che non siano sempre e solo i lavoratori a pagare i costi della crisi. “Il licenziamento dei tre dipendenti – ha proseguito l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – è un atto gravissimo, che da un lato danneggia ingiustamente gli operai, dall’altro viola le libertà sindacali e il diritto di sciopero, che è un provvedimento previsto e protetto dall’art. 40 della Costituzione. A meno di non voler subordinare la Carta repubblicana anche ai diktat di Marchionne & co. dobbiamo prendere atto dell’ennesimo vulnus alla nostra libertà e alla ‘democrazia fondata sul lavoro’. Se la Fiat non ritirerà immediatamente i licenziamenti c’è il pericolo che si crei un precedente che renderà tutti ancora più precari e ricattabili”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©