Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Due feriti

Turchia:Strage sfiorata ad Istanbul

Urlando "Allah è grande" spara su turisti

Turchia:Strage sfiorata ad Istanbul
30/11/2011, 19:11

INSTANBUL - Strage sfiorata a Istanbul. Urlando ''Allah e' grande'' e impugnando un fucile a pompa, con indosso una cintura di munizioni, un uomo di 36 anni di origini libiche ha sparato all'impazzata nel cuore turistico di Istanbul, entrando nello storico museo Topkapi, visitato da migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. L'uomo Samir Salem Ali Elmadhavri  di origini libiche ,entrato in Turchia appena tre giorni fa con una macchina siriana, ha risposto al fuoco delle forze dell'ordine turche, fino a quando è stato colpito a morte. ''E' una faccenda triste'', ha detto il vice-primo ministro turco Bulent Arins ricostruendo l'accaduto. Secondo quanto risulta alle autorità, Samir Salem Ali Elmadhavri è entrato dalla porta principale del palazzo di Topkapi ed ha iniziato a sparare ''a destra e a manca'', ferendo due persone. Un testimone ha raccontato di averlo visto avanzare con quell'enorme fucile e avergli chiesto se fosse un cacciatore. L'unica risposta è stata: ''Allahu Akbar''. Se la dinamica è abbastanza chiara, sulle ragioni che lo hanno spinto ad imbracciare un fucile a pompa e sparare sulla folla resta il mistero anche se in molti hanno rievocato l'incubo del fanatismo religioso. Le autorità stanno seguendo tutte le piste per capire se e chi ci possa essere dietro di lui. Se si tratta, in sostanza, di un folle oppure di un terrorista. Di certo l'attacco arriva in concomitanza con l'annuncio da parte turca dell'adozione di sanzioni economiche contro il regime di Assad e la dura repressione messa in atto nei confronti dei manifestanti in Siria.

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©