Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Dati nel quarto rapporto sul digitale presentato a Milano

Tv italiana, 76% delle famiglie è "digitalizzato"


Tv italiana, 76% delle famiglie è 'digitalizzato'
03/05/2010, 19:05

MILANO  - L’Italia si digitalizza. E stavolta quasi per intero. Il 76% delle famiglie italiane è dotato di un ricevitore digitale. E’ la fotografia della realtà televisiva italiana  scattata dall’associazione DGTVi nel quarto rapporto sulla tv digitale terrestre, presentato oggi a Milano, nell’ambito della quinta Conferenza nazionale del settore, in corso fino a domani al Teatro Dal Verme. Il 30% della popolazione italiana, si legge nel rapporto, riceve il segnale televisivo esclusivamente attraverso piattaforme digitali. Il 76% del totale si è dotato di un ricevitore digitale per vedere la tv. “Si tratta di tre famiglie su quattro” ha sintetizzato Alberto Sigismondi, membro del comitato tecnico di DGTVi - A febbraio  il numero di ricevitori per digitale terrestre venduti dal lancio nel 2004 ha superato 31 milioni di apparecchi nel nostro paese”. La digitalizzazione è inoltre in progressivo aumento. Un altro passo decisivo ci sarà con lo switch over (il passaggio anticipato di Raidue e Retequattro sul digitale terrestre) che il 18 maggio scatta in Lombardia, Piemonte orientale, a Parma e Piacenza. “Da qui al 2012 – ha aggiunto Sigismondi - saranno venduti ben più di 12 milioni di tv set, da sommarsi agli oltre 12 milioni già venduti negli ultimi tre anni". E l’apertura all’era digitale fa dell’Italia anche la nazione con un particolare record in Europa. Quello dei canali gratuiti. Secondo il rapporto presentato dalla DGTVi, infatti, l’Italia è il primo paese per numero di canali gratuiti (ben quaranta, compresi quelli ricevibili nelle aree all digital) e nell’ultimo anno si è notevolmente arricchita l’offerta mini-generalista e di intrattenimento (undici canali disponibili). I canali gratuiti su Dtt sono invece 38 nel Regno Unito, 19 in Spagna e 18 in Francia.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©