Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

UIL Campania: “Noi paghiamo sempre più tasse e la politica spreca”


UIL Campania: “Noi paghiamo sempre più tasse e la politica spreca”
07/04/2011, 17:04

Sono 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica. Un esercito composto da Parlamentari, Ministri, Sottosegretari ed Amministratori Locali, consiglieri circoscrizionali e di amministrazioni compreso il personale di supporto alla politica, per un costo totale di circa 18,3 miliardi di euro ogni anno, a cui occorre aggiungere i costi derivanti da un “sovrabbondante” sistema istituzionale quantificabili in circa 6,4 miliardi di euro, arrivando così alla cifra di 24,7 miliardi di euro. Una cifra da capogiro messo in evidenza dallo studio della UIL sui costi della politica che ha dato l’avvio alla campagna nazionale dal titolo “Meno costi della politica = meno tasse”.

Se la politica nazionale non è parsimoniosa, non si può affermare che in Campania ci siano istituzioni virtuose: nella nostra regione, infatti, solo il consiglio e la giunta regionale hanno avuto nel 2010 una spesa di circa 88.617.000 euro, superando anche la Lombardia che ha speso nello stesso anno 73.825.740 euro. A questa cifra non sono state aggiunte altre spese come quella per le attività istituzionali e la comunicazione di circa 14.140 mila euro oppure quelle per i comitati e le iniziative legislative circa 5.634.546 euro. Numeri importanti soprattutto in una regione come la Campania dove si pagano le tasse più alte della Nazione e dove si registra uno dei più alti indici di disoccupazione e povertà.

Queste ed altre cifre saranno illustrate domani mattina, 8 aprile, presso l’Hotel Terminus di Napoli nel corso dell’iniziativa della UIL Campania con uno slogan provocatorio “Noi paghiamo sempre più tasse e la politica spreca” alla presenza di Anna Rea, Segretario generale UIL Campania; Stefano Caldoro, Presidente Regione Campania; Massimo Marrelli, Rettore Università Federico II, Nino Daniele, Presidente Anci Campania e Luigi Angeletti, Segreterio generale della UIL Nazionale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©