Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

UIL FPL: DOMANI, 14 NOVEMBRE, SI ALLO SCIOPERO, MA PER L’APPLICAZIONE DEL CONTRATTO AI LAVORATORI DI SANITA’ ED ENTI PUBBLICI


UIL FPL: DOMANI, 14 NOVEMBRE, SI ALLO SCIOPERO, MA  PER L’APPLICAZIONE DEL CONTRATTO AI  LAVORATORI DI SANITA’ ED ENTI PUBBLICI
13/11/2008, 14:11

 

Non sarà uno sciopero contro,  quello di domani, 14 novembre, proclamato  dalla UIL Fpl e i lavoratori di categoria, ma uno sciopero a favore del rinnovo contrattuale del comparto pubblico da estendere anche ai lavoratori di Sanità ed enti pubblici locali. “Questo rinnovo del contratto nazionale nel settore pubblico è monco se non si amplia anche ai lavoratori della Sanità e degli enti pubblici locali e per farlo abbiamo bisogno di incontrarci con le nostre controparti, Regione, Upi ed Anci, è quanto afferma Osvaldo Nastasi, segretario generale della UIL Fpl.
 “Noi siamo d’accordo con il rinnovo del contratto ampliato alle nostre categorie, dichiara Nastasi , ma scioperiamo anche per la stabilizzazione dei precari nei nostri settori e per una pubblica amministrazione efficiente. E’ una battaglia che conduciamo da tempo, anche per quanto riguarda la Sanità, sottolinea Nastasi, la nostra linea contro la malasanità e contro gli sperperi e la cattiva gestione delle risorse, non è mai cambiata. E siamo riusciti a dirlo scendendo in piazza anche da soli. Dopo il rinnovo del contratto nel pubblico impiego si dovrà aprire la strada  
alla contrattazione di secondo livello, utile ai nostri territori, soprattutto in un momento di crisi  finanziaria, produttiva ed occupazionale, che vede i suoi primi spettri nelle migliaia di casse integrazioni avviate in Campania.
La UIL ha fatto una scelta di  responsabilità e non di rifiuto e non  ha nessuna intenzione di portare avanti battaglie ideologiche o politiche: ora più che mai, conclude Nastasi, il Sindacato deve fare il Sindacato con il confronto, la proposta e la coerenza di portare a termine ciò che ha iniziato in nome degli interessi ed i diritti dei lavoratori.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©