Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Ennesimo attacco alla crescita occupazionale campana

UIL: Giù le mani dall'Autorithy di Napoli


UIL: Giù le mani dall'Autorithy di Napoli
16/07/2009, 18:07

E’ un altro ingiusto ed ingiustificato “scippo” ai danni dell’occupazione e della crescita di Napoli e della Campania quello che si sta attuando all’AGCOM, L’Autorithy che regola e vigila tutte le comunicazioni, è quanto affermano le segreterie di UIL e UILCA all’indomani dello smantellamento della sede dell’agenzia al Centro Direzionale di Napoli.
Silenziosamente stanno facendo a pezzi un altro fulcro occupazionale di Napoli, affermano i vertici sindacali , importante non solo per i lavoratori e le professionalità che vi operano, ma anche per il prestigio che un luogo decisionale e dirigenziale può dare alla città.
Ad oggi, sottolineano UIL e UILCA, l’Autorità si avvale di circa 340 lavoratori, di questi, 140 svolgono l’attività presso la Sede di Napoli e 200 presso la sede “secondaria” di Roma. Oltre 25, tra Direttori generali e Dirigenti , lavorano stabilmente nella sede di Roma, solo due Direttori Generali , delle quattro Direzioni generali allocate a Napoli, svolgono saltuariamente la loro attività anche nel capoluogo napoletano.
Proprio in questi giorni il Segretario Generale ha approntato un’ennesima manovra per rafforzare ancora di più la sede romana a danno di quella napoletana. Inoltre, il prossimo obiettivo, conseguente al trasferimento dell’attività di bilancio e del trattamento economico del personale, sarà quello di defraudare il Banco di Napoli della funzione di tesoriere a favore di un’altra banca con sede in Roma.
La UIL ed la UILCA della Campania non intendono assistere passivamente ad un siffatto ed ingiustificato scempio e si impegnano ad organizzare nelle prossime settimane iniziative di approfondimento del caso e ad interessare le istituzioni politiche regionali e nazionali a difesa della Sede napoletana dell’Autorità, a tutela della dignità dei lavoratori napoletani continuamente mortificati nella loro professionalità e nel loro lavoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©