Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Un acceleratore per gli innovatori del domani


Un acceleratore per gli innovatori del domani
17/02/2012, 14:02

Napoli, 17 febbraio 2012 – Aiutare gli innovatori a partire con il piede giusto e creare nuove start-up di successo per stimolare lo sviluppo competitivo del territorio campano: questi i temi affrontati durante i lavori che si sono svolti oggi al PICO, nell’ambito della presentazione del progetto SeedLab ad una platea di imprese campane.

L’iniziativa è stata promossa da Campania Innovazione – Agenzia Regionale per la Promozione della Ricerca e dell’Innovazione, Vertis SGR, società leader negli investimenti venture nel Mezzogiorno, e SeedLab, programma di accelerazione per nuove imprese tecnologiche.

In apertura Edoardo Imperiale, Direttore Generale Campania Innovazione, ha sottolineato i progetti a favore della creazione d’impresa promossi dall’Agenzia: “Stiamo mettendo in campo azioni a favore di chi vuole intraprendere un nuovo progetto di business: penso alla seconda edizione di Creative Clusters, che ha inaugurato la nostra partnership con Vertis, facendo registrare ancora una volta dati significativi: sono 81 le idee innovative pervenute nell’ambito del concorso, 30 saranno selezionate per diventare impresa all’interno della nostra Creative Factory, un’area dedicata ai servizi di accelerazione competitiva. SeedLab rappresenta una buona pratica di collaborazione tra pubblico e privato che garantisce supporto finanziario a giovani potenziali imprenditori e alle imprese e si aggiunge all’offerta che l’Agenzia, in sinergia con i partner, mette in campo per il sistema imprenditoriale, con i servizi e le opportunità del Polo Tecnologico di Campania Innovazione”.

“Per favorire la capacità innovativa delle PMI - ha spiegato Mario Dal Co, Direttore dell’Agenzia nazionale per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione - va riconsiderato il ruolo della finanza, bisogna avere fiducia nelle aziende e restituire credibilità alle operazioni finanziare che devono sposare la logica della semplicità in un’ottica sinergica con le risorse pubbliche. È importante ritornare a scommettere nei meccanismi di mercato”.

Amedeo Giurazza, Amministratore Delegato di Vertis, si è soffermato sui meccanismi della finanza innovativa a favore delle start-up: “Il venture capital compra un business plan e un’idea e chiede ragionevoli certezze della riuscita economica. Vertis si caratterizza per l’indipendenza, la localizzazione e il know how. La nostra forza è stare sul territorio meridionale. Rispetto ai progetti che si candidano per un finanziamento, solo il 2% riceve un investimento. Una percentuale che può sembrare molto bassa ma che in realtà rivela un’attenzione forte alla capacità del progetto di creare nuovo valore”.

Nicola Redi di Fondamenta SGR, nel presentare il programma SeedLab ha evidenziato quanto sia importante il successo dell’iniziativa anche nelle regioni del Sud Italia, che registrano ancora un ritardo in termini di investimenti di venture capital rispetto al resto del territorio nazionale. Un gap da colmare in un Paese che ha fatto registrare negli ultimi trent’anni la nascita di 830 spin-off accademici ed è ancora tra i primi 10 paesi al Mondo per la qualità dei suoi ricercatori.

“La creazione di nuove imprese innovative, in particolare in filiere strategiche per il nostro territorio – ha dichiarato Massimiliano Scarpetta, Consigliere delegato alle Relazioni con il sistema industriale di Campania Innovazione - è una delle finalità principali delle azioni dell'Agenzia Regionale. Il nostro obiettivo è quello di favorire la costruzione di una piattaforma unica per l'innovazione ed il trasferimento tecnologico, a supporto di start-up e PMI. Dobbiamo lavorare per aggregare i poli di innovazione sia pubblici che privati e contribuire a rafforzare il raccordo e il matching con il sistema della finanza innovativa, affinché chi vuole avviare un progetto di business trovi a sostenerlo una infrastruttura solida a favore dello sviluppo d'impresa".

Il progetto è co-finanziato dall'UE PO FESR Campania 2007-2013 Ob. Op. 2.1

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©