Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Il progetto dell'Unione Industriale di Napoli

Un fumetto per insegnare ai più giovani a fare impresa


.

Un fumetto per insegnare ai più giovani a fare impresa
30/04/2010, 17:04


NAPOLI - Un fumetto che stimoli nei più piccoli la voglia di fare impresa: è il progetto dell'Unione industriale di Napoli, in collaborazione con il gruppo Piccola impresa dell'Unione e con l'associazione 'Tutti per...', rivolto a 10 scuole elementari e medie del capoluogo campano e della provincia. Un programma che per adesso si rivolge solo a Napoli, ma che presto potrebbe allargarsi a tutto il territorio campano. Secondo i dati dell'Unione, la Campania è infatti ancora enormemente distante dalle regioni del nord nel rapporto abitanti-numero di imprese: una su 80 abitanti in Campania, una ogni 7 abitanti nel nord est. Presenti all'incontro di presentazione il presidente dell'Unione industriali di Napoli, Giovanni Lettieri, il presidente del gruppo Piccola industria, Olga Acanfora, il vicepresidente dell'Unione con delega alla Formazione e ai rapproti con l'Università, Mario Mattoli, il presidente della sezione Editoria, cultura e spettacoli, Eddy Colonnese, il presidente dell'associazione 'Tutti per...', Lucia Monisteri e i direttori scolastici di alcune scuole di Napoli e provincia. Il colorato volume di 16 pagine è ambientato nell'aula di una scuola dove una maestra spiega ai suoi piccoli alunni, in
maniera semplice e divertente, alcuni dei principali concetti del 'fare impresa': il marketing aziendale, gli istituti di credito, i monopoli, etc. In appendice c'é anche uno spazio dedicato alla fantasia dei bambini con 4 pagine bianche dove i futuri manager di aziende possono scrivere le loro idee imprenditoriali. "Questo progetto non ha la presunzione di essere formativo, ma semplicemente vuole stimolare i ragazzi - ha spiegato il presidente Lettieri - Vuole trasmettere un messaggio imprenditoriale e far scattare nei più giovani la mentalità e la passione per l'impresa". Lettieri ha spiegato che si tratta di un progetto che, unito a tanti altri, punta a colmare nel lungo periodo quel distacco profondo che c'é tra Napoli e le
aree più produttive del Paese. Secondo i dati forniti dal presidente dell'Unione, nel nord est c'é un'impresa ogni 7 abitanti, in Lombardia 1 su 18, nel centro Italia 1 su 37 mentre in Campania 1 su 80 abitanti e nel sud Italia 1 su 170. "Cerchiamo di educare i giovani a non ambire al posto fisso - ha aggiunto Lettieri - ma a fare impresa e a essere produttivi". "Vogliamo diffondere nei più giovani anche la cultura della legalità e della lettura - ha spiegato Lucia Monisteri di 'Tutti per...' - Oltre a spiegare in maniera agevole i concetti di marketing o dei servizi" I testi del libricino sono di Antonella Stornaiuolo mentre i disegni sono della quattordicenne Alessia Leggero di Castellamare di Stabia (Napoli) che, dopo l'esperienza con il programma dell'Unione, ha confessato di avere in animo un progetto imprenditoriale dedicato al fumetto
che possa valorizzare il suo talento con matite e colori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©