Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

Speciale 150 anni d'unità d'Italia

Un videogioco per studiare il Risorgimento


Un videogioco per studiare il Risorgimento
24/03/2011, 10:03

Roma - Un videogioco, percorsi guidati nei luoghi del Risorgimento, una mostra itinerante, un tour teatrale, concerti cui parteciperanno grandi nomi della musica italiana: sono queste le iniziative che compongono Gioventù Ribelle, il programma che, in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, vuole far conoscere alle nuove generazioni i nomi e le storie di quei "giovani eroi" che con il loro sacrificio contribuirono a unificare il nostro Paese. Si tratta di un progetto ideato dal Ministro della gioventù in collaborazione con l'Unità tecnica per le celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia e l'Istituto nazionale per il Risorgimento. Goffredo Mameli, Luciano Manara, la Contessa di Castiglione, Maria Sofia di Borbone, Carlo Pisacane, i fratelli Cairoli, Nino Bixio, sono alcuni dei protagonisti della mostra, la cui vita sarà raccontata attraverso immagini, dipinti, cimeli originali, brani tratti dai loro scritti, e inedite testimonianze. Il videogioco, realizzato gratuitamente dal Gruppo di Filiera dei Produttori Italiani di Videogiochi di Assoknowledge – Confindustria SIT, con la partecipazione degli studenti dell’Istituto Europeo di Design di Roma, è diretto principalmente ai giovani e ha un duplice obiettivo: celebrare l'eroismo e l'amor di Patria di giovani coraggiosi del Risorgimento e raccontare la storia ai ragazzi di oggi con il loro linguaggio. Dal 17 marzo sul sito ufficiale del progetto, è disponibile, il primo livello di gioco, ambientato a Roma nel 1870, la notte prima della celebre “breccia” nelle mura che difendevano la capitale dell’allora Stato Pontificio. I due livelli successivi, dedicati all'assedio di Gaeta del 1862 e alla Repubblica Romana del 1849, saranno scaricabili a partire, rispettivamente, dal 2 giugno e dal 20 settembre 2011.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©