Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Unica Forza di Polizia - I pateracchi demagogici e pericolosi del Sap


Unica Forza di Polizia - I pateracchi demagogici e pericolosi del Sap
06/05/2009, 08:05

Quando non si è i promotori delle iniziative - ha commentato oggi Franco Maccari, Segretario Generale del COISP - accade di prenderle proditoriamente in prestito e farne un guazzabuglio, tale da rovesciarne i contenuti positivi e far di un bene, un male. Da tempo, ben prima del Sap, il COISP ha promosso una riflessione sull'ipotesi di accorpamento fra Polizia di Stato e l'Arma dei Carabinieri, adducendo la razionalizzazione delle pubbliche risorse ed un maggior e più funzionale coordinamento, soprattutto in relazione ai medesimi impieghi di Sicurezza, indagine e di controllo del territorio. Una possibilità per rinforzare l'intero comparto che si occupa delle medesime operazioni, non il «pateracchio» proposto ora dal Sap, durante il Congresso nazionale in svolgimento a Rimini, con l'assurdo e demagogico accorpamento anche di Polizia Penitenziaria, Polizia Forestale e Guardia di Finanza, i cui compiti sono ben diversi e specifici, con professionalità e qualifiche che si differenziano opportunamente da Polizia di Stato e da Carabinieri».
 
Per questioni demagogiche e pretestuose, non certo per puntuale ed efficace disamina - continua Maccari - il Sap potrebbe anche arrivare a proporre un corpo unico con l'Esercito, i Vigili del Fuoco e i boyscout, inserendoci pure le ronde, le guardie notturne e qualche associazione benefica. L'indipendenza sindacale è ragionamento e proposizione, la dipendenza politica è acquisto di voti e gran confusione anche sulle problematiche più vicine ed incidenti la categoria che si dovrebbe difendere, con un minimo di razionalità, conoscenza delle questioni, onestà intellettuale”.
 
«Il nuovo Corpo di Polizia unificato, fra Polizia di Stato e Carabinieri - ha concluso Maccari - dovrà essere per forza civile, non appartenente alle Forze Armate. Perciò è perfettamente inutile parlare di alternanza ai vertici di questa nuova entità. Se il Sap propone l'alternanza fra un Capo di Polizia ed un Capo Carabiniere, sono fatti squisitamente suoi e dei suoi iscritti, ai quali evidentemente farà piacere farsi comandare da un Carabiniere. Noi no: il nostro referente ai vertici dovrà sempre essere un Poliziotto, o almeno fino a quando coloro che provengono dall'Arma avranno perso le caratteristiche funzionali, militari e psicologiche proprie di una Forza Armata, acquisendo le nostre. Ma ci vorranno decenni. Questo, anche a garanzia delle conquiste sindacali e sociali ottenute in questi anni proprio dalla Polizia di Stato, che ha voce e offre voce. Questo è difendere le libertà di categoria, il resto sono pastrocchi e pericolosissime sciocchezze”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©