Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Università: Bruschi, bene il sistema universitario campano


Università: Bruschi, bene il sistema universitario campano
20/10/2010, 10:10


NAPOLI - “Fino a qualche anno fa l’università guardava con distacco agli altri istituti di formazione, come le accademie e i conservatori, e non dialogava con le scuole. Oggi si assiste ad una svolta di sistema: le università si parlano tra loro, dialogano e collaborano spinte dalle risorse limitate”, così il consigliere del ministro Gelmini Max Bruschi ha fotografato l’attuale stato delle università italiane intervenendo all’XI edizione di OrientaSud. Durante il convegno “Un capitale di conoscenza: Università, Ricerca, Innovazione” Bruschi si è soffermato sugli sprechi passati degli atenei italiani. “Siamo partiti da un tessuto generale complesso e problematico – ha aggiunto il consigliere - che stiamo cercando di correggere veicolando in maniera più oculata i fondi a disposizione. Occorre intervenire sul sistema di valutazione tenendo conto del grado di specializzazione dei singoli corsi di laurea e del territorio in cui operano”. “Vogliamo fare in modo che i nostri laureati restino qui”, ha dichiarato Filippo Bencardino, rettore dell’Università degli Studi del Sannio e presidente del Comitato di coordinamento delle università Campane (Cur). “C’è uno spirito nuovo nel sistema universitario campano, stiamo lavorando per eliminare le sovrapposizione tra i corsi di laurea in modo da ridurre la concorrenza e andare verso un riequilibrio dell’offerta formativa”. A riportare l’attenzione sulla riforma della scuola e sui nuovi tirocini formativi attivi (TFA) Maurizio Piscitelli, Dirigente Ufficio VI Direzione Generale per il personale scolastico del MIUR. “Nel 2018 contiamo di riassorbire 150 mila precari a tempo indeterminato e circa 90 mila precari a tempo determinato”. Piscitelli ha infine sottolineato come “l’insegnamento non può essere un ripiego ma una scelta consapevole. Stiamo lavorando affinché i docenti acquisiscano una formazione che possa essere poi trasferita agli studenti” .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©